Michael J. Fox: “Donald Trump è come Biff”

Donald Trump come Biff Tannen. Ce lo vedete?

Condividi l'articolo

Trump è come Biff per Michael J. Fox: un paragone che per molti sarà senz’altro azzeccato

Piuttosto impietoso il giudizio che Michael J. Fox dà dell’ormai ex-Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Un personaggio inviso a molti, attori famosi compresi. Non fa eccezione il nostro Marty McFly, che sulle pagine del Guardian fa riferimento alla stessa saga di Ritorno al Futuro, paragonando Trump… a Biff.

Per i pochissimi che non hanno mai visto i tre film, Biff Tannen è il principale “nemico” della trama, pure se non intenzionalmente. Trattasi semplicemente di un gradasso dal cattivo carattere, il quale però si ritrova, assieme ad un avo e un discendente, sempre sulla strada “temporale” di Marty, in una maniera o nell’altra.

La caratterizzazione negativa di Biff tocca il suo apice nel secondo film della saga, nel 1985 alternativo che lo vede magnate dell’industria e miliardario/criminale senza scrupoli. Il personaggio, interpretato da Thomas F. Wilson, è diventato uno dei più famosi cattivi della storia del cinema.

LEGGI ANCHE:  Donald Trump: l'appello per rimuoverlo da Mamma ho perso l'aereo 2

A questo di sicuro si riferisce Michael J. Fox, quando dice: “Ogni peggior istinto dell’umanità è stato sfruttato [played on] da Donald Trump e per me questo è semplicemente un anatema. Biff è presidente!” Uno scenario da incubo, non troppo diverso da quello dipinto nel film del 1989.

Il “disgusto” di Fox nei confronti di Trump risale al 2016, quando il futuro presidente era stato visto prendere in giro un reporter disabile, Serge Kovaleski del New York Times, durante le elezioni. L’incidente aveva attirato critiche da ogni parte e Fox, affetto dal morbo di Parkinson, non si era fatto da parte.

“Quando vedi il tuo particolare gruppo [di persone disabili] preso in giro, è come un pugno nelle palle. È così ingiusto e senza senso” dice oggi Fox, riferendosi a quell’incidente di quattro anni fa. “Non esiste che io possa svegliarmi al mattino e [decidere] di prendere in giro la gente arancione“.

Fonte: LAD Bible

LEGGI ANCHE:  Sacha Baron Cohen sul ban di Trump: "Momento storico per i Social"

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Pensa, la Scimmia fa.