John Lydon: “Biden è incapace, Trump unica scelta sensata”

John Lydon conferma il suo sostegno incondizionato a Donald Trump

John Lydon
Credits: Quantice Productions / YouTube
Condividi l'articolo

John Lydon è deciso: il suo supporto insindacabile va a Trump

Coloro già stupiti per il sostegno espresso da John Lydon dei Sex Pistols per Donald Trump si preparino a stupirsi ancora. Il cantante, icona del punk e della musica inglese fin dagli anni ’70, rincara la dose. Ora che Biden è sceso in campo, dice, votare Trump si rende l’unica scelta sensata.

“Biden è incapace di essere l’uomo al timone” dice Lydon in una lunga intervista a The Observer, citando le buone capacità di Trump nella gestione dell’economia e simpatizzando per lui perché è stato accusato di razzismo. “Sono stato accusato della stessa cosa, per cui sono offeso per chiunque venga chiamato così”.

Si parla di un episodio in particolare, risalente al 2008, quando Kele Okereke dei Bloc Party (che è nero) aveva accusato Lydon di un non provocato attacco a sfondo razzista, che gli aveva lasciato tagli e ferite in volto. L’accusa era stata sostenuta da diversi membri di Kaiser Cheifs, Foals e Mogwai, tutti presenti al fatto.

LEGGI ANCHE:  Finneas, il fratello di Billie Eilish, sforna un singolo anti-Trump [ASCOLTA]
Sex Pistols – God Save the Queen, 1977

Tanto per insistere l’intervistatore ha chiesto anche a Lydon quale fosse il suo pensiero sulla morte di George Floyd. Al che l-ex punk rock ha detto: “Non c’è nessuno che io conosca che non direbbe che è stato orribile. Assolutamente! Questo non vuol dire che tutti i poliziotti sono cattivi o tutti i bianchi razzisti. All lives matter“.

Il cantante sembra quindi fermo sulle sue posizioni, mentre le elezioni americane si avvicinano sempre di più e la tensione sale assieme al crescente numero dei contagi. Lo scontro tra Biden e Trump deciderà di molte cose, tra le quali ovviamente anche la gestione dell’emergenza virus in America.

Nel frattempo John Lydon si unisce a colleghi come Steven Morrissey degli Smiths e Ian Brown degli Stone Roses in un “circolo” di grandi star del rock che negli ultimi anni si stanno spostando sempre più a destra. Tra Brexit, razzismo latente e appunto sostegno a Trump, stanno lasciando basiti tutti i fan.

Fonte: Consequence of Sound

LEGGI ANCHE:  Lynch: "Trump potrebbe essere uno dei migliori presidenti"

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.