I migliori film della Blumhouse, il Re Mida dell’horror contemporaneo

I migliori film prodotti dalla Blumhouse, la casa di produzione low budget che trasforma in oro colato (quasi) tutto.

Condividi l'articolo

Creep, Patrick Brice, 2014

creepblumhouse

Un altro found footage, tra i migliori mai fatti in senso assoluto. Un titolo che è tutto un programma, Creep riesce a tenere alta la soglia dell’inquietudine per tutta la durata del film, fino allo sconvolgente finale. E non da meno, il sequel, forse anche più inquietante. Disponibili su Netflix, sono due must dell’horror assolutamente da vedere.

Insidious, James Wan, 2011

insidious l'ultima chiave

Un vero e proprio fenomeno che ha aperto all’horror commerciale firmato Blumhouse. Dal genio di James Wan, una saga che pur abbracciando gli stilemi classici del genere ha dato vita ad un successo di botteghino notevole, trovando una buona risposta da parte del pubblico.

Split, M. Night Shyamalan, 2017

 

split
James McAvoy

Secondo capitolo dell’acclamata trilogia firmata Shyamalan, Split trova la sua potenza di fuoco nell’antagonista, un James McAvoy ineccepibile nel regalare allo spettatore una moltitudine di interpretazioni diverse. Nove milioni di budget, oltre i 270 quelli incassati. Una vera miniera d’oro.

LEGGI ANCHE:  I migliori 10 film con ripresa a mano

Paranormal Activity, Oren Peli, 2009

paranormal activity

Impossibile non (ri)menzionare questa perla che probabilmente ha permesso alla Blumhouse di affermarsi come realtà assoluta. Come detto prima, l’incasso fu stupefacente, rispetto all’esigua spesa. Un found footage importantissimo che ha segnato una netta linea di demarcazione tra prima e dopo.

La Notte Del Giudizio, James DeMonaco, 2013

La prima notte del giudizio recensione

Saga dispotica interessantissima che, sebbene si sia un po’ persa nei sequel, suscitò parecchia curiosità quando uscì. Un progetto molto interessante e ambizioso che dalla sala è arrivato anche sul piccolo schermo grazie ad Amazon Prime Video. Il costo? Solo tre milioni.

Bonus serie TV: Sharp Objects, Marti Noxon, 2018

sharp objects Blumhouse

Sharp Objects è un n piccolo capolavoro televisivo, tratto dal libro Sulla Mia Pelle scritto da Gillian Flynn. Una sontuosa Amy Adams torna nella cittadina che l’ha vista crescere a causa di un caso di cronaca. I traumi del passato torneranno a galla e l’intreccio la guarderà da molto vicino. Rimanete incollati anche durante tutti i titoli di coda, assolutamente. Non ve ne pentirete.

LEGGI ANCHE:  Ares di Netflix è "troppo spaventosa", i fan non riescono a vederla tutta

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

1
2
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".