Yoko Ono costretta in sedia a rotelle: la salute sempre peggio

Yoko Ono ha ormai 87 anni

Yoko Ono
Credits: Marcela Cataldi Cipolla / Wikipedia

Peggiorano le condizioni di salute della storica artista giapponese Yoko Ono, la quale è costretta in sedia a rotelle ormai dal 2017

Non è ben chiaro quale malattia affligga Yoko Ono, ma quel che è certo è che l’artista e cantante giapponese necessita ora di cure 24 ore su 24. La Ono, che ha 87 anni, è celebre per due ragioni principali. La prima, quella meno nota al grande pubblico e più nota agli appassionati di arte colta, è la sua militanza nel movimento Fluxus, un movimento di avanguardia artistica che toccò l’apice della propria produzione negli anni ’60. La Ono ne fu parte integrante, sperimentando con performance artistiche provocatorie e rivoluzionarie, come quella nella quale invitava gli astanti a tagliare con delle forbici il vestito che indossava. La seconda ragione principale per cui la Ono è nota a livello internazionale, è anche spesso quella per la quale è più odiata. Parliamo ovviamente della sua relazione con John Lennon, durata fino alla morte di lui, nel 1980.

Per decadi, i fan dei Beatles hanno criticato questa relazione, considerandola la vera causa dello scioglimento del quartetto. Ciò non di meno, in tale evento andrebbero considerate moltissime concause, e difficilmente si potrebbe attribuirne alla sola Yoko Ono la responsabilità. Oggi, racconta Elliot Mintz, uno stretto amico di famiglia, la Ono è costretta in sedia a rotelle, cammina solo con un bastone o con l’aiuto di altri, come il figlio Sean. Esce di rado, e partecipa quasi solo a manifestazioni ed eventi che coinvolgono ed omaggiano la memoria del defunto marito John. Non c’è troppo da stupirsi, in realtà, di queste notizie: in fondo stiamo parlando dell’invecchiamento di una donna anziana, una cosa che segue assolutamente un corso naturale. Del resto, commenta Mintz: “Lei è un essere umano particolare. In questi 87 anni ne ha vissuti 400“.

Fonte: New York Post

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, la Scimmia sente, la Scimmia fa.