I Chemical Brothers vincono due Grammy Awards

Tom Rowlands e Ed Simons ancora sull'onda del successo

Chemical
The Chemical Brothers. Credits: Alterna2

Due meritati riconoscimenti per i Chemical Brothers

Non è la prima volta che i Chemical Brothers vincono il prestigioso premio a consegna annuale. Tuttavia, anche per i fan, è sempre una soddisfazione: segno che i due continuano a colpire nel segno con la loro musica, ottenendo riscontro sia presso l’ambiente alternativo che presso quello “mainstream”. Tom Rowlands e Ed Simons hanno vinto due premi su tre nomination ottenute ai Grammy Awards del 2020: Best Dance Recording e Best Dance/Electronic Album. Sì, lo sappiamo che definire “dance” la musica del Chemical Brothers è riduttivo, ma sappiamo che le categorizzazioni dei Grammy sono spesso superficiali e lasciano a desiderare.

The Chemical Brothers – We’ve Got to Try, 2019

Leggi anche: Chemical Brothers – Recensione di Surrender, ventennale dello storico album

Comunque, i due premi summenzionati sono andati rispettivamente al singolo Got to Keep On, e all’ultimo album del duo, No Geography (da noi brevemente recensito qui). La terza categoria nella quale il duo aveva ottenuto la nomination era per il video di We’ve Got to Try, ma in questo caso è stato preferito l’accattivante e popolare Old Town Road di Lil Nas X e Billy Ray Cyrus. In ogni caso, un ottimo risultato, non c’è che dire. In passato i due avevano già vinto il Grammy per la Best Rock Instrumental Performance, con Block Rockin’ Beats, nel 1998; la Best Dance Recording, di nuovo, con Galvanize nel 2006 (e non poteva essere altrimenti); e due volte il Best Dance/Electronic Album, con Push the Button nel 2006 e We Are the Night nel 2008.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.