The Police – Perché Every Breath You Take NON è una canzone d’amore

Una delle più famose canzoni d'amore di sempre in realtà non è una canzone d'amore

Police
Video di Every Breath You Take dei Police - Frame da YouTube

Pensate di conoscere il vero significato di Every Breath You Take dei Police?

Every Breath You Take è certo, assieme a Roxanne, la canzone più famosa della carriera dei Police. Singolo di punta del loro ultimo album, Synchronicity, del 1983, la canzone è diventata subito famosissima, nota per specialmente per l’arpeggio di chitarra di Andy Summers e per le vocalità di Sting. L’equivoco nel quale spesso si incappa, però, è quello di credere che questo celebre successo sia una canzone d’amore. Vero, per la maggior parte della propria carriera i Police hanno composto molti pezzi sull’argomento, spesso in particolare sulla delusione amorosa (So Lonely, Can’t Stand Losing You…). Ma Every Breath You Take è diversa.

Sting compose la canzone nel 1982, durante la separazione dalla sua prima moglie, Frances Tomelty, e l’inizio di una relazione con la migliore amica di lei, Trudy Styler. Soffocato dalla pressione degli avvenimenti, Sumner si ritirò ai Caraibi, dove gli avvenne di finire a lavorare a questa canzone sulla stessa scrivania sulla quale aveva scritto Ian Fleming, il creatore di James Bond. Lì, Sting si ritrovò a riflettere sugli incubi causati da gelosia, aspettative e sensi di colpa in un rapporto. Da inglese qual è, non ci mise molto a ricollegarsi a George Orwell e ovviamente al suo Grande Fratello, figura che qui si può associare ad un qualunque partner relazionale.

The Police – Every Breath You Take, 1983

Una figura che ti osserva, giudica ogni tuo gesto e ogni tua frase, aspettando che tu faccia un passo falso per imputare a te il fallimento della relazione. Alla luce di questa interpretazione, le parole “Every breath you take/Every move you make/I’ll be watching you” assumono un significato ben più sinistro. Lo stesso Sting si è sempre detto infastidito dalla errata interpretazione della canzone che, forse a causa della musicalità dolce e struggente, viene spesso scambiata semplicemente per una disperata dichiarazione d’amore. Ma provate a leggere il testo cantato nella variazione della canzone, pensando non ad una persona amata, ma sempre al Grande Fratello di Orwell:

Since you’ve gone I been lost without a trace
I dream at night I can only see your face
I look around but it’s you I can’t replace
I feel so cold and I long for your embrace
I keep crying baby, baby, please

Il significato cambia completamente. Sting ha raccontato di una volta nella quale una coppia appena sposata gli disse “Amiamo quella canzone, l’abbiamo suonata al nostro matrimonio!”, e lui pensò: “Beh, buona fortuna”. Tutto questo per dire che spesso le canzoni, anche le più belle, non hanno per forza il significato che vorremmo attribuire loro, e che nell’ascolto di un pezzo non ci si dovrebbe soffermare solo a ciò che ci suggerisce la musica. Chiudiamo quindi con un consiglio: anche se piace molto anche a noi, vi consigliamo di non suonare Every Breath You Take al vostro matrimonio.

Leggi anche:
Reggatta de Blanc, il reggae bianco dei Police che conquistò il mondo
The Police – Ascolta Flexible Strategies, l’album di b-sides

The Police – Every Breath You Take, 1983

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.