Netflix fa dietrofront: torna il mese di prova gratuito

Netflix, reintrodotta la prova gratuita

Netflix fa un passo indietro e annuncia di aver reintrodotto il primo mese di prova gratuito sulla propria piattaforma nel nostro paese.

La decisione di annullare la possibilità per i clienti di usufruire di un primo periodo di visione gratis dei prodotti Netflix era stata presa qualche mese fa, generando non pochi malumori tra gli utenti.

Leggi anche: El Camino – Recensione

Netflix in quel caso dichiarò come stessero testando quale fosse la durata migliore della prova gratuita da sottoporre ai vari paesi per

Capire come meglio i consumatori valutano il servizio.

Questa nuova introduzione dei 30 giorni di utilizzo free del gigante dello streaming mondiale ha però dei limiti.

Infatti lo spettatore potrà iscriversi dichiarando di pagare solamente utilizzando carte di credito, di debito o prepagate facenti parte dei maggiori circuiti utilizzati in Italia.

Sono esclusi quindi i pagamenti fatti attraverso la piattaforma PayPal, il più comune intermediario di pagamento al mondo.

Ovviamente Netflix si impegna a inviare entro tre giorni dalla scadenza del periodo di prova una mail al contribuente per avvisarlo dell’imminente fine del periodo gratuito e il contestuale primo addebito sul metodo di pagamento scelto.

Sarà, come sempre, possibile disdire il servizio in qualsiasi momento entro il termine ultimo della scadenza della prova senza dover pagare nulla.

Leggi anche: Stranger Things 3 – Recensione

Questa notizia giunge in un momento davvero caldo dell’avventura di Netflix in Italia.

E’ notizia infatti di questi giorni l’accordo stretto tra il gigante e la Mediaset per la produzione di ben 7 prodotti originali, tra i quali l’atteso docu-film su Roberto Baggio oltre che l’accordo trovato con Sky.

La maggiore azienda legata alla tv satellitare italiana infatti, offrirà agli abbonati la possibilità di usufruire di Netflix sul proprio sistema Sky-Q.

Netflix crede molto nel mercato italiano, poco ma sicuro.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com