Joker, ecco il potente omaggio a Heath Ledger

I Joker di Joaquin Phoenix e Heath Ledger

Il Joker di Joaquin Phoenix omaggia quello di Heath Ledger visto nel film Il Cavaliere Oscuro

Attenzione: l’articolo contiene SPOILER sul film Joker

Joker: Joaquin Phoenix avrebbe voluto un Joker dall'aspetto diverso

Se state leggendo qui è perché avete visto Joker in sala in questi giorni e state per scoprire qual è l’omaggio che il regista Todd Philips e l’attore protagonista Joaquin Phoenix hanno fatto al compianto Heath Ledger. Come saprete Ledger (scomparso il 22 gennaio 2008) ha interpretato Joker nel film di Christopher Nolan, Il Cavaliere Oscuro.

Nel film di Nolan c’è una scena in cui Joker scappa su una auto della polizia, la potete vedere qui sotto:

Nel film di Todd Philips c’è l’inversione di questa stessa scena. Il Joker di Phoenix è all’interno dell’auto mentre, appoggiato al finestrino, guarda Gotham bruciare. Mentre nella scena girata da Nolan, Joker ha portato a termine uno dei sui piani ed è libero a livello fisico, dato che è scappato dalla prigione. Nella scena di Philips, Joker è preso dalla polizia, quindi non è libero fisicamente ma è libero mentalmente. Ciò deriva dal fatto che ha da poco raggiunto l’apice della sua libertà mentale uccidendo Murray in diretta televisiva e, cosa ancora più importante, sfogandosi con il mondo e liberando se stesso dai suoi orribili pensieri (“se morissi io non fareste altro che scavalcarmi”). Inoltre, quando Phoenix poggia la testa al finestrino, nonostante stia andando in prigione, riesce – in una delle poche volte – a sorridere serenamente. Per la prima volta, è in pace con se stesso e nessuna prigione o struttura può più imprigionarlo. In questa espressione poetica e al contempo potente risiede l’omaggio allo scomparso Heath Ledger.

Il lungometraggio DC distribuito da Warner Bros. e diretto da Todd Philips è nei cinema italiani dal 4 ottobre, leggete qui la nostra recensione. In questo articolo, invece, potete leggere l’analisi dell’attore Josh Brolin.

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per nuovi approfondimenti