Breaking Bad, i cinque finali alternativi scartati da Vince Gilligan

Condividi l'articolo

Breaking Bad

Successivamente gli sceneggiatori avevano pensato ad un finale molto più tragico che prevedeva alcune morti eccellenti. La prima diretta interessata fu la moglie Skyler, vittima di un suicidio. La scena fu scartata praticamente subito poiché nessuno sapeva come e chi avrebbe potuto gestire Walter Jr., Flynn per gli amici.

Paradossalmente, gli sceneggiatori già avevano pensato a tutto. Un dialogo tra Heisenberg e Skyler con quest’ultima chiusa in bagno ad ascoltare il marito ripetere che ha un piano e che tutto andrà bene. Finché poi aprendo la porta, vede Skyler con le vene tagliate nella vasca.

L’altra tragedia avrebbe invece riguardato praticamente tutti i personaggi maschili che girano intorno a Walter White, il figlio e il figlioccio: Walter Jr. e Jesse. Ma partiamo dal secondo. Non tutti sanno che il buon Jesse Pinkman avrebbe dovuto morire già nella prima stagione per mano di un pazzo spacciatore qualsiasi.

Tuttavia, le buone risposte del pubblico al personaggio costrinsero la produzione a cambiare i loro piani. Fortunatamente, aggiungiamo noi. Scoperta la morte di Jesse, Walter avrebbe dovuto rapire l’assassino in questione e rinchiuderlo in cantina, come accaduto con Crazy Eight per poi essere scoperto da Junior. Una scusa, un pretesto qualsiasi, e lo spacciatore avrebbe fatto esplodere la casa, uccidendo sé stesso e Junior.

LEGGI ANCHE:  Cinema Vs Serie TV Il passaggio dalla sala al piccolo schermo di casa

Leggi anche: Walter White, 5 lezioni di marketing

Un altro finale, sicuramente meno tragico rispetto agli ultimi due appena menzionati, prevedeva una chiusura più soft e riabilitativa del personaggio di Heisenberg. Una “semplice” evasione per Jesse grazie a Walter White. E non è tanto differente dall’effettiva chiusura di Breaking Bad.

Come ha rivelato Gilligan, avevano pensato a Walter che, imbracciando il suo M-60, avrebbe devastato la prigione mentre i nazisti lo stavano portando dietro le sbarre. Tuttavia, questo avrebbe potuto coinvolgere anche innocenti e la cosa non andava propriamente a genio agli sceneggiatori. Ed è proprio dall’uso dell’arma che gli sceneggiatori sono partiti per il finale che tutti noi conosciamo. Un’arma che doveva essere usata su personaggi peggiori di Walter White.