Stranger Things 3: l’ultimo trailer pone fine all’attesa, finalmente ci siamo

L'attesa per la terza stagione di Stranger Things 3 sta per finire e a distanza di due settimane dalla messa in onda, Netflix ha diffuso online il terzo e ultimo trailer.

Stranger Things 3: l'ultimo trailer pone fine all'attesa, finalmente ci siamo
Condividi l'articolo

L’attesa per la terza stagione di Stranger Things 3 sta per finire e a distanza di due settimane dalla messa in onda, Netflix ha diffuso online il terzo e ultimo trailer della serie tv che va a delineare in particolare l’azione che andrà a caratterizzare questa terza stagione.

Potrebbe interessarti: Netflix aumenta il costo degli abbonamenti anche in Italia, ecco i dettagli

Di seguito rilasciamo la sinossi ufficiale di questa terza stagione.

Siamo nel 1985 a Hawkins, nell’Indiana, e ed è esplosa l’estate. La scuola è finita, c’è un nuovo centro commerciale in città, e la banda di Hawkins è ormai entrata nell’adolescenza. Sbocciano storie d’amore che complicano le dinamiche del gruppo, e tutti loro dovranno capire come crescere senza separarsi. Nel frattempo, il pericolo incombe. Quando la città è minacciata da nemici vecchi e nuovi, Undici e i suoi amici comprendono che il male non ha mai fine: si evolve. Ora dovranno unirsi per sopravvivere e ricordare che l’amicizia è sempre più forte della paura.

LEGGI ANCHE:  Stranger Things 3, Netflix lancia primo teaser a sorpresa

Nel cast di Stranger Things 3 ci saranno ancora presenti Winona Ryder, David Harbour, Finn Wolfhard, Millie Bobby Brown, Gaten Materazzo, Caleb McLaughlin, Natalia Dyer, Charlie Heaton, Noah Schnapp e Sadie Sink.

Ricordiamo che la terza stagione di Stranger Things sbarcherà su Netflix il 4 luglio 2019 ovvero il giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti, un giorno di festa in cui tutti gli americani si fermano per celebrare questo importante evento.

Leggi anche: Stranger Things, arriva in Italia il primo fumetto della serie

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.