Geoffrey Rush diffamato, riceverà un risarcimento milionario dopo le accuse di molestie

Geoffrey Rush, attore e doppiatore australiano, verrà risarcito con 2,9 milioni di dollari dal Daily Telegraph dopo aver vinto la causa per diffamazione.

Geoffrey Rush riceverà 2,9 milioni di dollari per le accuse di molestie

Geoffrey Rush, attore e doppiatore australiano, verrà risarcito con 2,9 milioni di dollari dal Daily Telegraph dopo aver vinto la causa per diffamazione contro la testata britannica, a causa di una serie di articoli pubblicati dal giornale che accusavano l’attore di comportamento inappropriato’ nei confronti di una donna.

Precedentemente, nel mese di aprile, il giudice Michael Wigney aveva ritenuto colpevoli il Daily Telegraphe e il giornalista Jonathon Moran per diffamazione nei confronti dell’attore, per due articoli pubblicati alla fine del 2017 che facevano riferimento a molestie nei confronti di un’attrice tra il 2015 e il 2016.

A seguito di questo, il giudice aveva stabilito che Geoffrey Rush venisse risarcito con 850.000 dollari, per il danno alla sua immagine a alla sua reputazione.

Potrebbe interessarti anche: Woody Allen e la sua relazione con una modella 16enne

Di recente, negli scorsi giorni si è tenuta un’ulteriore sentenza al tribunale federale di Sydney, dove il giudice ha dichiarato che Rush dovrà ricevere ulteriori 2 milioni di dollari per le perdite di denaro che il Daily Telegraph gli avrebbe causato.

Oggi l’attore ha 67 anni e vanta una carriera cinematografica di tutto rispetto, oltre a vantare un premio Oscar come Miglior attore nel 1997 per il film Shine. Da ricordare in particolare modo il suo ruolo da protagonista nel film di Giuseppe Tornatore, La Migliore Offerta.

Leggi anche: Geoffrey Rush distrutto dalle accuse di molestie: “Vive recluso in casa”

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteJim Belushi si è dato alla produzione di cannabis
Prossimo articoloHigh Life, recensione di un capolavoro
Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.