Game of Thrones: ecco perché Jon Snow non ha accarezzato Spettro

Durante un'intervista, il regista David Nutter ha spiegato le motivazioni dietro una scena che ha scontentato i fan di Game of Thrones

ATTENZIONE: L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SUL QUARTO EPISODIO

Il quarto episodio di Game of Thrones è stato un episodio che è stato molto abile ad affrontare le conseguenze della battaglia di Grande Inverno che avevamo visto la settimana scorsa. In The Last of the Starks abbiamo assistito a tutte le scelte che i personaggi hanno dovuto prendere, ora che gli Estranei sono stati sconfitti e c’è all’orizzonte la minaccia di Cersei.

Leggi anche: Il pagellone della quarta puntata di Got!

Tra queste scelte quella più chiacchierata e criticata è stata quella intrapresa da Jon Snow (Kit Harington), quando ha chiesto a Tormund (Kristofer Hivju) di portare con sé Spettro oltre la Barriera. Una scelta, questa, che accompagnerebbe il desiderio di Jon Snow di sapere il suo miglior amico in un luogo più sicuro, ora che l’ultima battaglia di Westeros sta per esplodere. Quello che i fan, tuttavia, non hanno perdonato al legittimo erede al trono è il fatto di non esserci avvicinato a Spettro, di non averlo accarezzato né avergli detto addio, dopo averlo gettato nella mischia della battaglia, insieme ai Dothraki.

Una mancanza di segni di affetto che ha portato molti fan a mostrare il proprio scontento, sottolineando che il metalupo ha perso parte del suo orecchio per aiutare Jon nella sua battaglia e che, dunque, meritava un altro tipo di considerazione. Perché, dunque, il bastardo di Ned Stark non si è avvicinato al suo migliore amico canino? A rispondere alla domanda ci ha pensato il regista David Nutter che, in un’intervista con l’HuffPost ha detto: “Dal momento che i metalupi sono creature realizzate in CG, ci sembrava più saggio realizzare la scena nel modo più semplice possibile. E ho pensato che, in questo modo, la scena avrebbe potuto essere più potente“.

E poi ha continuato: “Funzionava meglio, con Spettro fermo in un angolo. Poi Jon si incammina, si volta verso Spettro e così ha potuto avere un momento con lui, che ho ritenuto fosse molto, molto potente“.

Leggi anche: Una nuova scioccante teoria sul Re della Notte

John Bradley, l’interprete di Sam, presente nella scena incriminata ha spiegato: “Penso che Jon sappia cosa si sta lasciando alle spalle. È un uomo nobile che sa tutto del sacrificio… Sa quello che deve tenere al sicuro e sa di avere delle responsabilità nei confronti di Spettro, così come li ha nei confronti di Sam e Gilly“.

Per altri approfondimenti, continua a seguirci su LaScimmiaPensa.Com!