I Simpson: i migliori stacchetti musicali estemporanei

“Mi rado le spalle, liscine liscine”. Sapete di cosa si tratta? Allora siete nel posto giusto.

C’è un universo intero, che chi non è cresciuto guardando i Simpson non conoscerà mai. Un universo fatto di citazioni, riferimenti, interpretazioni e invenzioni geniali. Tra queste, piccole parentesi comiche ma assolutamente importanti nella costruzione dei personaggi e delle situazioni. Parliamo, naturalmente, di Homer Simpson e dei suoi stacchetti musicali estemporanei, ma non solo. Anche un Bart/Mozart che sulle note della Serenata No. 13 per archi costruisce un testo sulla flatulenza, oppure i “bacucchi pazzi”.

Il tutto, qui in Italia, ci è poi giunto grazie alle geniali reinterpretazioni di Tonino Accolla e del suo team. Un team in grado di filtrare la comicità americana con toni nostrani, e che ha fatto sì che questi momenti, assieme ad altri dei Simpson, segnassero un’intera generazione. Se siete fan dei Simpson, veri fan, avrete già capito. Quindi, abbiamo deciso di raccogliere i dieci momenti musicali “brevi”, nei quali i personaggi dei Simpson danno il meglio delle loro uscite canore inaspettate.

10. “Mi rado le spalle”

Un classico che già dice tutto. Voi cantante sotto la doccia? Bitch please. Homer Simpson fa di meglio.

9. “Sto seduto sopra il cesso”

Avete presente quando siete “al gabinetto”, e ci restate per mezz’ora a smanettare con lo smartphone? Bene, anche qui il nostro Homer è avanti anni luce: gli basta un rotolo di carta igienica per intrattenersi.

8. “Oh Mindy”

Mindy, la fiamma segreta di Homer in un vecchio episodio, è la protagonista di questo spontaneo sfogo d’amore. Tiziano Ferro spostati.

7. “Ti metto io in attesa”

Altra situazione: quando chiamate per qualche servizio, e venite messi in attesa, costretti ad ascoltare per minuti interminabili una musichetta insopportabile. Qui Homer rende pan per focaccia.

6. “Mi piace la pizza…”

Nessuno ignora che una delle grandi passioni di Homer è il cibo. Così, quando gli viene chiesta la sua opinione in proposito, non può che esprimersi con una canzone dedicata.

5. “La mia mortadella ha un nome”

Incommentabile.

4. “Fagiol, fagiol”

Bart/Mozart piega questa famosa composizione dell’originale autore austriaco verso una sua propria interpretazione burlesca. “Aria, che puzza, che fetor”.

3. “Tutti quanti amano Ned Flanders”

Sigla di un mini-sketch dedicato interamente a Ned Flanders e ai suoi figli, forse parodia di simili spin-off occasionali che tentano di costruire show su personaggi immaginari.

2. “Quella cavalla lì, non è la stessa più”

Cult assoluto. Demenzialità e nonsense allo stato puro.

1. “Simpson, Homer Simpson”

Testo: “Simpson, Homer Simpson, il più grande uomo che la storia avrà. Dalla città di Springfield, un castagno in pieno prenderà”. Non serve aggiungere altro. Uno degli apici assoluti dell’intera serie.

Se avete gradito questo articolo, vi consigliamo di rimanere nei paraggi, perché di musica nei Simpson ce n’è davvero tanta, e noi abbiamo appena iniziato a raccogliere il meglio di questi momenti nelle nostre top ten. Per non perdere le prossime, non scordate di seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.