Ty Segall + White Fence – Recensione Joy

0
83

Ty Segall e White Fence producono un disco di alternative garage/folk/blues che è un piccolo gioiello, e passerà ingiustamente inosservato.

Il secondo album collaborativo di Ty Segall e White Fence è qui. Dopo Hair (2012), il duo torna insieme per un album altamente sperimentale, una delle uscite più interessanti dell’anno nel panorama blues. Ma blues in questo caso è limitativo: in Joy parliamo anche di alt folk, garage e pop psichedelico.

L’album si potrebbe descrivere come una grande suite, o come li medley di Abbey Road dei Beatles, suonato però dagli Animal Collective. Perchè è proprio questa l’impressione che emerge dagli arrangiamenti. Come se Avey Tare e Panda Bear tentassero di fare garage rock.

Risultati immagini per ty segall white fence

Joy ricorda anche la struttura e l’impostazione di un album dei King Gizzard & the Lizard Wizard, con una consecuzione delle canzoni fluente e non dispersiva.

Questo piccolo disco di Ty Segall e White Fence prende grandemente le distanze dall’ultimo lavoro del primo dei due. Il disco del 2018 di Ty Segall, intitolato Freedom’s Goblin, è a tutti gli effetti un album di rock mainstream, nel quale il bluesman californiano dà prova di una statura musicale che non disdegna l’approccio alle masse.

Risultati immagini per ty segall white fence

Qui avviene tutto il contrario: i due creano un disco che è difficile apprezzare, e lo si può fare solo se si ascoltano molti generi e artisti underground. Non mancano infatti accenni di rumorismo, tracce essenziali e compresse, sfoghi chitarristici repentini ma non autocelebrativi.

Joy è insomma un disco di rock alternativo che dimostra come ancora nel 2018 un genere come questo possa non solo esistere, ma pure venir fatto bene.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

Risultati immagini per ty segall white fence

Anno di pubblicazione: 2018
Genere: Alternative Rock

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here