Anthony Bourdain, Val Kilmer si sfoga: “Suicidio atto egoista!”

In un infuocato, straziante pos sul suo profilo Facebook, Val Kilmer ha attaccato la scelta dell'amico Anthony Bourdain di togliersi la vita.

0
3973
L'infuocato sfogo di Val Kilmer per il suicidio di Anthony Bourdain.

La perdita di una persona cara può condurre alle reazioni più disparate.

Dopo la notizia del suicidio dello chef, Val Kilmer ha attaccato Anthony Bourdain, o meglio, la sua scelta di togliersi la vita.

In un lungo post sul suo profilo Facebook, l’attore si è lasciato andare ad un disperato, infuocato sfogo:

” Oh l’oscurità.
Oh, l’oscuro dolore della perdita. L’egoismo.
A quanti minuti distavi dal sentire l’amore che era universale. Sei stato amato da ogni angolo del mondo. Così egoista. Ci hai dato un motivo per essere arrabbiati con te. Una guida spirituale una volta mi ha detto che il suicidio è l’atto più egoistico che un essere umano possa compiere ed ero confuso, ma poi mi ha spiegato che non c’è spazio mentale più lontano dall’umanità e dal suo scopo che l’intorpidimento ipnotizzato che crea la falsa immagine della disperazione, che costringe la vittima, inconsapevole, a credere che l’eredità della vita sia finita. Che non c’è più scopo. Niente più compiti. Che non ci sia più amore da dare a qualcuno.
Niente da curare.”

Val Kilmer rimprovera ad Anthony Bourdain la sua decisione di arrendersi e di sottrarsi all’amore che lo circondava.

“E allora? Ho sentito che ti sei tolto la vita a Parigi. Quale hotel? Hai avuto una ricaduta? Sei appena tornato a casa dal miglior pasto della tua vita? Hai tradito la tua ragazza? Quelli di noi che ti conoscevano sono scioccati, arrabbiati, arrabbiati ed egoisticamente arrabbiati, per quello che ci hai appena fatto. Milioni dovrei pensare. Almeno un milione di persone che, come me, immaginavano di conoscerti. Alcuni immaginano che ti conoscano anche bene. Ma hai sentito squillare quel telefono, lo sentivi ronzare nel cappotto o nella tasca dei pantaloni, vibrare un milione di volte, ma non hai risposto. Lo fai risuonare. Hai sanguinato? Ti sei soffocato? Hai saltato. No, non hai saltato. È importante che sappiamo come l’hai fatto? No. Ma l’hai fatto”

Lo sfogo di di Val Kilmer è probabilmente stato alimentato anche dalla sua difficile situazione di salute. Una dura lotta contro un cancro alla gola ha fortemente limitato il suo lavoro, anche se ha recentemente firmato per comparire nel sequel di Top Gun.

Ti saresti tolto la vita due anni fa se, come me, non fossi stato in grado di prendere cibo e spostarlo con la lingua sulle tue papille gustative perché la tua lingua era troppo gonfia? ‘È troppo gonfia’, pensavo e sognavo e pianificavo di mangiare e assaggiare e gustare ogni pasto che avessi mai assaporato e ogni pasto che avessi imparato a gustare con la mia immaginazione, negli ultimi 40 anni non ho mai incontrato un pasto che non mi piacesse tranne qualcosa con troppo coriandolo. Era così? Ti sei svegliato e hai capito che non avevi più fame. Anche con una figlia piccola a casa, non saresti mai più stato abbastanza affamato da voler riprendere fiato.”

Dalle successive parole dell’attore traspaiono anche le ombre che, forse, offuscavano l’animo di Bourdain:

“L’odio di tuo padre era presente al punto da offuscare ogni ultimo momento di sole di ogni singolo dannato giorno, Anthony. Oh oscurità. La mia preghiera, prima che la luce si rompa in questa mattina dell’8 giugno, è che niente freghi mai più un altro guerriero come te, che ha inseguito la fetta calda della soddisfazione momentanea in tutto il mondo per 15 volte, ma che non ha trovato la spinta per farlo un’altra volta ancora. Anthony Bourdain si è tolto la vita. Almeno ti sei preso quella birra con Obama in una strada affollata del Vietnam, in un posto di plastica, con il tuo tipo di pasto preferito, spaghetti piccanti e goop, e ti ha dato speranza, l’ho visto nei tuoi occhi quando gli hai chiesto, come se avessi avuto 12 anni, a tuo padre, ‘Andrà tutto bene?’ E Obama ha ricordato a te e a tutti noi che la storia non è scritta in linea retta. Ma è gia scritta. E vira verso la giustizia. Hai trovato e ci hai mostrato sacche di libertà dagli individui di tutto il mondo, dalla tua nave pirata televisiva, con un gruppo di brillanti scrittori, produttori, cameraman e tecnici del suono, assistenti, dirigenti e avvocati che ti hanno visto chiaramente e ti hanno amato teneramente, e hanno fatto un miglio in più sulla carta, per permetterti di camminare lì, sotto la pioggia, prima della luce del giorno, e in attesa del sole, riflettendo tranquillamente sullo sfarzo che ti circondava. Avresti potuto e dovuto avere un’altra opportunità. A volte dobbiamo vivere al servizio della vita di un altro e vivere senza speranza di equità. In tal senso, la vita non è giusta. Chi dice che hai il diritto di portarci via tutto questo amore così presto? Oh l’oscurità. L’oscurità ai margini della città. ‘C’è un’oscurità ai margini della città …’ te ne sei andato troppo presto, amico mio. Mi sono addormentato mentre ti vedevo urlare in Uruguay la scorsa notte. Era una replica ma trovo sempre qualcosa che non ho visto prima … te ne sei andato troppo presto. E lo dimostrerò …”

Il disperato impeto con cui Val Kilmer ha attaccato la drammatica scelta di Anthony Bourdain, ha attirato non poche critiche sull’attore. Lo stesso Kilmer, più tardi, ha deciso di scusarsi per il tono del suo post e ne ha approfittato per dare un consiglio a chi si trovasse nella stessa, disperata situazione dell’amico:

“1 800 273 8255. Questo è il numero per la linea di assistenza e prevenzione al suicidio. Mi scuso sinceramente con chiunque si sia sentito offeso leggendo i miei pensieri sul suicidio di Anthony Bourdain. Capisco che sia un argomento incredibilmente complesso, che necessita di amore, compassione e pazienza per essere compreso. Le mie onesto sfogo era come un invito ad essere severamente giudicato, come se il mio modo di amare e di sentire questa perdita non fosse valido o corretto. Era semplicemente quello che provavo in quell’istante. Spero che la mia comprensione di questo tipo di agonia e ciò che ho scritto a riguardo, non siano fonte di ulteriore confusione o frustrazione. Ho scritto che credo che l’Amore sia sempre qua per guarirci. Credo che l’amore possa guarire tutto, anche chi si sente così solo da non trovare più una ragione per respirare.”

Lo sfogo di Kilmer è stato sicuramente duro, ma chi siamo noi per giudicare le reazioni di chi soffre? Ancora una volta, ci limitiamo a ricordare il grande Anthony Bourdain, sperando che possa trovare pace nel suo ultimo, drammatico viaggio verso l’ignoto.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here