Robert Rodriguez si difende dalle accuse della McGowan

Robert Rodriguez risponde alle accuse rilasciando una dichiarazione dove elenca alcune inesattezze nella storia raccontata dall’attrice.

Dopo lo scandalo che ha colpito Hollywood, sempre più donne, grazie al movimento #MeToo, hanno denunciato le molestie subite sul luogo di lavoro.

Tra queste donne anche Rose McGowan. L’attrice ha deciso di scrivere un libro di memorie che si concentrerà sulla lotta alle molestie sessuali.
La McGowan fa parte della folta schiera di donne che hanno accusato di stupro il produttore Harvey Weinstein.

L’attrice protagonista di “Grindhouse – Planet Terror“, ha dichiarato che il regista Robert Rodriguez avrebbe usato le confessioni fattegli sullo stupro ad opera di Weinstein, contro di lei.

“Stavo Perdendo la presa sulla mia sanità mentale” ha dichiarato l’attrice – Leggi di più.

Oggi Robert Rodriguez risponde alle accuse rilasciando una dichiarazione dove elenca alcune inesattezze nella storia raccontata dall’attrice.
Il regista ha inoltre criticato la reporter di Vanity Fair, Evgenia Peretz, autrice dell’articolo su Rose McGowan, per non averlo contattato.

Rodriguez ha così corretto alcuni punti chiave nella storia di McGowan:

Queste imprecisioni potrebbero mettermi in disaccordo con Rose, ma non ho niente contro di lei”, scrive Rodriguez. “È quando le pubblicazioni non verificano effettivamente queste cose di base, che si finisce con qualcosa di inaccurato che poi deve essere negato. E non voglio doverlo negare perché sono d’accordo con quello che Rose sta cercando di fare nel complesso, cosa che continua a spingere per il cambiamento sia nel nostro settore che oltre”.

Robert Rodriguez afferma che la scena dello stupro era stata inserita nella sceneggiatura fin dall’inizio delle riprese e che la McGowan non ha mai espresso preoccupazioni su tale scena.

“Non ho venduto il film ai Weinstein, hanno dato una prima occhiata al mio progetto e dopo ne ho realizzati altri due con loro. (Grindhouse, Spy Kids 4 e Sin City 2 hanno soddisfatto i miei obblighi nei loro confronti).

Ho incontrato Rose nell’aprile del 2005. I Weinstein hanno iniziato a finanziare Grindhouse almeno per la prima settimana di novembre del 2005 perché stavo girando il falso trailer di Machete per il film il 16 novembre 2005. Ho quindi iniziato a fare uno scouting delle location e a progettare la produzione per Grindhouse – Planet Terror con membri chiave della crew, assunti e pagati dai Weinstein, prima del Ringraziamento del 2005.

La preproduzione completa per Grindhouse con l’intera crew è iniziata il 23 gennaio 2006, e le riprese principali sono iniziate il 17 marzo 2006. Rose ha iniziato le riprese il 26 marzo 2006. Il punto è che era già un film ufficiale di Weinstein da almeno 5 mesi. C’era certamente un ampio margine di tempo per Rose per decidere di non essere in un film finanziato dai Weinstein e per rifiutare il film e la sceneggiatura prima che iniziassero le riprese. E se avesse mai avuto problemi nel realizzare il film per loro, avrei completamente compreso, cambiato ruolo e scelto qualcun altro.

La scena descritta nell’articolo di Vanity Fair in cui lo stupratore schernisce il personaggio interpretato da Rose (prima che lei si gira e lo pugnali agli occhi e lo uccida) è stato in ogni bozza della sceneggiatura dalla prima bozza rilasciata al cast e alla troupe datata 24 gennaio 2006. Inoltre, quella stessa scena non fu nemmeno filmata fino a 5 mesi dopo, il 28 giugno 2006. Ancora, se c’era qualche obiezione alla scena, c’era un sacco di tempo per affrontarla. Non è mai stato sollevato come un problema. In effetti, il punto della scena è sempre stato quello di dare potere al personaggio, perché è in quel momento che decide di ribellarsi contro i suoi oppressori”.