Condividi l'articolo
    •   Saw: Legacy, di Michael e Pieter Sierig (31/10/2017)
      Il finale del settimo capitolo esigeva un sequel
      ; il colpo di scena, pur se indubiamente shockante, senza la spiegazione sul “come ci siamo arrivati”, perdeva molto della sua potenziale efficacia.

    • Happy end, di Michael Haneke (16/11/2017)
      Haneke è tra i più grandi registi viventi, possiamo dirlo? Si che possiamo. Autore misantropo per eccellenza (insieme a Ulrich Seidl), reduce dal suo ultimo capolavoro (Amour, vincitore dell’Oscar come miglior film straniero), ci proporrà un dramma ambientato a Calais, che avrà come temi portanti la borghesia e l’immigrazione.
      Nel cast ci saranno: Isabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant e Mathieu Kassovitz.

LEGGI ANCHE:  La televisione nel cinema: quando uno schermo può uccidere