Recensione Trono di Spade 7×04

Eccoci qui con una nuova puntata de Il Trono di Spade, giunto ormai alla settima stagione

0
1012

Siamo giunti ad esattamente la metà della settima stagione, e anche questo episodio ci ha regalato gioie e dolori, a seconda di chi parteggiamo. Vediamo come al solito cosa è successo nei vari angoli del continente.

Dragonstone: Daenerys e Jon

A roccia del Drago, Jon e Daenerys giocano a fare come i vecchietti sui cantieri, e scoprono delle iscrizioni fatte dai Figli della Foresta, che dimostravano come prima i popoli erano in pace ed armonia, mentre combattevano contro gli Estranei. Ma lei non cede, e insiste sul fatto che lui debba inginocchiarsi. Tra i due ci sono momenti di tensione, e si intuisce il fatto che qualcosa di romantico succederà (sarebbe un copo di scena davvero inaspettato giusto?) Daenerys dopo aver subito grandi sconfitte non ci sta più e decide di non ascoltare Tyrion e i suoi consiglieri. Alla fine quindi decide di fare tutto il contrario di quello che le era stato sempre detto detto, con successo, come vedremo dopo. Intanto torna anche Theon, che tanto per cambiare viene minacciato da tutti: questa volta tocca a Jon.

Winterfell: Arya, Sansa e Bran

Arya Stark torna finalmente a casa, e con lei la tradizione di non essere mai riconosciuta ai cancelli di Winterfell. Tra un “fuck off” e un “tu non sai chi sono io”, riabbraccia la sorella Sansa ed il fratello Bran, o almeno ciò che ne rimane di lui. Mentre la guarda combattere con Brienne, Sansa si chiede se sia la sola Stark ad essere rimasta sana di mente. Hanno entrambe storie terribili, così come si dicono quasi sorridendo, ma i loro destini sono stati completamente diversi: più libero quello di Arya, che si è allenata a diventare un’assassina, spinta dalla sete di vendetta, “in gabbia” quello di Sansa, che ha sempre dovuto barcamenarsi contesti pieni di nemici, e ha dovuto imparare quando parlare e quando tacere. Vedremo come collideranno questi due caratteri totalmente diversi da ora in poi.

Bran continua la sua trasformazione a statua di sale, liquidando Meera con un freddissimo “Thanks”. Salutiamo un personaggio che, nella sua umiltà, ha dato tanto. Una ragazza che nonostante tutto ha portato a termine una missione difendendo ciò in cui credeva, per amore del fratello, che ha dovuto uccidere con le sue stesse mani per non farlo soffrire. Ha dovuto vedere morire non solo lui, ma anche Summer e Hodor. L’unica cosa che ci consola è che almeno lei ha una casa e una famiglia da cui tornare. Bran invece non perde occasione di citare i pensieri personali di tutti come se avesse libero accesso ai loro diari segreti. Menzione d’onore per Petyr Baelish, sempre stato in prima linea quando si trattava di arguzia, e che ora si vede trattato a pesci in faccia da tutti i fratellini Stark.

La grande battaglia ad Altogiardino: Jamie, Bronn e Daenerys

Per descrivere gli ultimi minuti di questa puntata dobbiamo cambiare registro, lasciando da parte battute ironiche per concentrarci sulla trama. I Lannister stanno tornando ad Approdo del Re, con carri pieni di provviste prelevate da Alto Giardino e tutto l’oro per ripagare il debito con Bravoos. Ma quando la terra inizia a tremare, lo spettacolo si scatena. Vediamo l’esercito Dothraki, di cui ci viene mostrata l’agiltà con bellissime inquadrature: selvaggi abilissimi nel cavalcare e nell’uccidere. Vediamo l’espressione sconvolta di Jamie, che guarda Drogon che sorvola l’esercito. E vediamo lo sguardo di Daenerys, più concentrato che mai, che ordina al suo drago di bruciare i soldati. Lo scontro non è alla pari: nulla possono i Lannister contro il fuoco che divampa: Daenerys si prende la sua rivincita dopo le numerose sconfitte precedenti. Con un ritmo incalzante che ci fa tenere sempre di più gli occhi incollati allo schermo, Bronn riesce a colpire il drago. A questo punto c’è uno dei momenti più belli fino ad ora di tutta la stagione. Tyrion, che vede in lontananza il fratello, e realizza il tutto ancor prima che accada. Jamie, che vede il nemico per un attimo vulnerabile. Daenerys, il cui unico pensiero è curare il suo drago. Tutto accade in un momento: la calvalcata gloriosa di Jamie verso di lei, il fuoco di Drogon, il salvataggio di Bronn. Con questa sequenza si chiude l’episodio, lasciandoci pieni di interrogativi. Cosa è successo davvero? Jamie si salverà, magari nuovamente con l’aiuto di Bronn? Tutto questo lo scopriremo nella prossima puntata.

P.s: Ma appena Cersei scoprirà che non hanno più l’oro farà saltare tutta la banca di Braavos?

Continuate a seguirci e rimanete aggiornati con noi sulla pagina Women of Thrones per ulteriori aggiornamenti e discussioni!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here