L’arte degli “opening titles” in 10 iconici esempi

Condividi l'articolo

Se con la lettura di quest’articolo vi siete interessati come me al mondo degli opening titles ci sono ancora moltissimi film ai quali dovete dare un’occhiata e che non sono rientrati per un soffio in questa lista. Dovete guardare ogni lavoro di Saul Bass, seguire con attenzione l’evoluzione del Gunbarrel in 007, godervi un opening titles clamoroso come quello di Lord of War (che omaggia la stessa Gunbarrel) e non potete poi perdervi i titoli di testa di The Royal Tenenbaums, così in armonia col delizioso stile di Wes Anderson. E’ poi obbligatorio osservare l’analogia tra il Laureato e Jackie Brown di Tarantino e, restando sul pulp, è impossibile non vedere almeno una volta il folle inizio di Natural Born Killers. C’è poi Taxi Driver, Fargo e Zombieland e Watchman che hanno sicuramente qualcosa da dirsi. In Italia da citare l’Armata Brancaleone e Il buono il brutto e il cattivo. Si potrebbe continuare per pagine e pagine, ma vi abbiamo già annoiati abbastanza.

LEGGI ANCHE:  GoT 8, Jacob Andersen svela il destino degli Immacolati