L’arte degli “opening titles” in 10 iconici esempi

Condividi l'articolo

Enter The Void (2009), di Gaspar Noé

In questa lista non poteva mancare lo psichedelico neon-movie di Gaspar Noè, Enter The Void. Tom Kan, graphic e typography designer, si occupò dei titoli di testa per Noè, il quale aveva già un’idea ben precisa prima ancora  di contattare Tom Kan. Chiese che si trattasse di una compilazione rapida di scritte con font, dimensioni e stili diversi, ispirati a film, volantini e luci al neon, in modo che ci si approcciasse subito al tono del film. Inoltre la sequenza dei titoli doveva essere in francese, inglese e giapponese. Questo sicuramente rappresentò uno stimolo notevole e multisfaccettato per Tom Kan, che produsse così tante scritte che alla fine nel montaggio non poterono essere utilizzate tutte ma soltanto un 60%. La scelta dei tipi di carattere arrivò in maniera abbastanza naturale, dopo aver presentato una vasta selezione in linea con le atmosfere del film, furono scelti quelli che meglio si adattavano ai personaggi o alle personalità dei membri della produzione.

Gaspar Noè teneva particolarmente al fatto che ognuno avesse il suo credit dedicato e il graphic desinger vide questo come un grande attestato di stima e rispetto dei membri di tutta la squadra, un gran bel modo di dire grazie. Fu il regista a scegliere la scritta per lo stesso Tom Kan e scelse la più grande e leggibile. Per la sequenza è stata utilizzata come musica la traccia Freak di LFO, la stessa musica ha influenzato lo sviluppo della sequenza dei titoli di testa e video e audio si sono dovuti modellare l’uno sull’altro in postproduzione.

LEGGI ANCHE:  Rey sfida Luke nel nuovo teaser di Star Wars - Gli Ultimi Jedi

Due anni dopo l’uscita del film esce il video della canzone All of the lights, di Kanye West con Rihanna e Kid Cudi, che riprende palesemente l’idea di Noè e Kan. Tom Kan in proposito ha dichiarato di aver provato sentimenti contrastanti: da un lato divertito che il suo lavoro sia stato ripreso da un artista famoso come West, dall’altro indispettito dal fatto che West non abbia pensato di contattare né lui né Noè per la realizzazione del video.