Tutti tranne Te, Will Gluck risponde alle critiche

Parlando con Letterboxd, Will Gluck ha risposto alle critiche relative al suo Tutti tranne Te.

tutti tranne te
Condividi l'articolo

Il regista di Tutti tranne te parla delle critiche al suo film

Lo scorso gennaio al cinema è arrivato Tutti tranne te, nuovo film con Glen Powell e Sydney Sweeney diretto da Will Gluck. Il film ha ottenuto una buona ricezione di critica e pubblico, anche se alcune persone hanno trovato decisamente imbarazzanti alcune scene. Parlando con Letterboxd, il regista ha risposto alle critiche dicendo:

Tutti tranne te era più Shakespeare [tra i vari film del regista ndr]. È divertente perché anche la mia recensione preferita tra tutte le recensioni di Letterboxd dice: “Oh, ci sono così tante scene imbarazzanti”. E io dico: “Bene, quali sono?” “Oh, la parte sciocca quando il papà e il fratello recitano ad alta voce.” E poi rispondo: “Questo viene direttamente da William Shakespeare”. Tutte le scene imbarazzanti di questo film sono prese direttamente da William Shakespeare. I cliché che hanno adesso tutte le commedie romantiche, li ha iniziati [a usare] lui nel Seicento o giù di lì, qualunque cosa. È da lì che hanno cominciato. Quindi sì, l’hai visto milioni di volte, ma questo film ne ha onorato la goffaggine.

Credo anche davvero che, per qualche ragione, quando guardiamo i film, ci aspettiamo che i personaggi siano le persone più intelligenti del mondo, [come se] fosse la prima volta che affrontano una cosa del genere, la prima volta che un ragazzo si trova a vivere una situazione del genere che gli piace una ragazza fa mai qualcosa di sciocco. Eppure nel mondo reale, ogni interazione che ho, che avete, è “Non posso credere che tu l’abbia fatto. È così stupido, così sciocco, mi sento un’idiota Quindi provo a superare il confine tra ciò che accadrebbe realmente – ed era ancora più assurdo in Shakespeare, era ancora più folle nell’opera originale [Molto rumore per nulla ndr]. Quindi mi sono interfacciato di più con l’opera teatrale, direi.

A tutti piace Molto rumore per nulla e Sogno di una notte di mezza estate, perché sono le due commedie più divertenti. Ho letto [ Molto rumore ] molte volte durante il montaggio, perché dovevamo capire delle cose. Ma è solo uno scherzo. È un gioco divertente, anche se ci sono un sacco di cose folli nell’originale… Molto rumore per nulla, l’opera originale, dovrebbe essere intitolata semplicemente “credi alle donne”. Perché se credessimo alle donne, la commedia finirebbe entro la terza pagina. Ma nessuno crede affatto a una donna, quindi ci sono molte cose problematiche anche nel film [di Kenneth Branagh del 1993] . 

Che ne pensate? Avete visto Tutti tranne te?

Seguiteci su LaScimmiaPensa

LEGGI ANCHE:  Tutti tranne te, Powell parla delle scene di nudo