Dune, Denis Villenueve parla del film di Lynch

Ospite del Fresh Air Podcast, Denis Villeneuve ha parlato del primo adattamento di Dune di David Lynch

dune
Condividi l'articolo

Villeneuve e il suo stretto rapporto con Dune

Denis Villeneuve è ora al cinema con Dune: Parte seconda, secondo capitolo della saha fantascientifica basata sul romanzo di Frank Herbert. Il regista canadese ospite del Fresh Air Podcast, ha parlato del rapporto con l’opera e delle sensazioni provate nel 1984 quando Davi Lynch lo mise in scena per la prima volta.

 Ero molto emozionato quando ho saputo che il libro sarebbe stato portato sullo schermo, ed è qualcosa che – ricordo di aver guardato il film e di essere rimasto molto ipnotizzato e colpito dal modo in cui David Lynch si è avvicinato al film. Ero anche destabilizzato da alcune delle sue scelte

David Lynch ha un’identità molto forte come regista, ovviamente, e si fonde con – ovviamente, è un’interpretazione fantastica del libro, ma sono state fatte alcune scelte molto lontane dalla mia sensibilità  E ricordo di aver guardato il film, dicendomi che un giorno qualcun altro lo avrebbe fatto di nuovo in futuro. Accadrà perché non sentivo che aveva catturato parte dell’essenza specifica della cultura Fremen. Sentivo che mancavano alcune cose. E pensavo che questa fosse la natura dell’adattamento, sai? È come se mi aspettassi che qualcun altro tornasse con il progetto ad un certo punto, sì.

Parlando poi del suo amore per Dune, Villeneuve ha detto:

LEGGI ANCHE:  Jake Gyllenhaal e Denis Villeneuve insieme per la serie HBO The Son

Ho letto il primo libro a 13 anni, ma poi ci sono stati molti libri e il mio amore per “Dune” è continuato nel corso degli anni. Quindi diciamo che l’ho scoperto tra i 13 e i 14 anni, sì. Penso che l’idea che un ragazzo trovi casa in un’altra cultura, che si senta a suo agio in un paese straniero, mi ha davvero commosso in quel momento. Inoltre, ero innamorato della biologia quando ero studente, ed ero ipnotizzato dal modo in cui Frank Herbert usava l’ecologia per esprimersi. Mi ha davvero commosso profondamente.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa