Peaky Blinders, Murphy rivela: “Non ero la prima scelta”

Ospite dello show Desert Island Discs di BBC Radio 4, Cillian Muprhy ha rivelato di non essere stato la prima scelta in Peaky Blinders

peaky blinders
Condividi l'articolo

Non c’è dubbio sul fatto che Peaky Blinders sia stata la chiave di volta della carriera di Cillian Murphy, oggi attore di fama mondiale e candidato all’Oscar con per Oppenheimer. Tuttavia, sebbene oggi non potremmo mai immaginare un volto diverso per Tommy Shelby, l’attore irlandese ha rivelato come non fosse la priam scelta all’epoca.

Fisicamente non ero la scelta più ovvia – ha raccontato Murphy ospite dello show Desert Island Discs di BBC Radio 4. Non so se ho convinto Stephen [Knight, creatore di Peaky Blinders ndr] durante l’incontro, ma in seguito gli ho inviato un messaggio che diceva: Ricorda, sono un attore”. E io credo in questo, Penso che sia nostro dovere come attori trasformarci in qualunque cosa la parte richieda

Nella stessa intervista Murphy si è anche detto pronto a riprendere il ruolo per il futuro film di Peaky Blinders.

Se c’è ancora una storia da raccontare e se Steven Knight consegna una sceneggiatura come so che può fare, allora sarò presente. Voglio dire, se vogliamo vedere un Tommy Shelby di 50 anni, sarò presente. Facciamolo

Cillian Murphy aveva dato già la sua disponibilità parlando con Variety qualche tempo fa dicendo:

LEGGI ANCHE:  Cillian Murphy racconta come è diventato lo Spaventapasseri in Batman

Se ci sono altre storie da raccontare, io ci sono – ha detto Cillian Murphy. Sono davvero, davvero orgoglioso della serie. Penso che abbiamo realizzato qualcosa di molto speciale. Abbiamo realizzato 36 ore di quella che considero una TV di alta qualità. Per il film, dovrà essere speciale. Ma ci sono, amico. Se c’è una buona sceneggiatura, io ci sono.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa