Sanremo, Russell Crowe prende in giro John Travolta

Ospite della terza serata del Festival di Sanremo, Russell Crowe ha voluto prendere in giro John Travolta

russell crowe
Credits: RAI
Condividi l'articolo

Prosegue il Festival di Sanremo arrivato alla sua terza serata. Ospite di ieri è stato niente meno che Russell Crowe che è apparso decisamente divertito e a suo agio sul palco dell’Ariston. Dopo aver sfoggiato le sue doti canore, il grande attore si è infatti reso protagonista di un simpatico siparietto con Amadeus e la co-presentatrice Teresa Mannino. Quest’ultima stava infatti dicendo come sia strano che Russell Crowe abbia origini italiane visto il cognome che non suona molto nostra come può essere quello di Coppola, De Niro o…

Travolta – conclude Crowe lanciandosi poi in un’imitazione del ballo del qua qua che ha visto protagonista la star di Pulp Fiction e che è divenuto un autentico caso nazionale e condendo il tutto con un bel WTF

In ogni caso il direttore artistico del Festival di Sanremo, durante la conferenza stampa di ieri ha parlato del momento che ha visto protagonista Travolta spiegando come l’attore fosse a conoscenza di tutto.

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2023: i momenti più memorabili della Seconda Serata [VIDEO]

Io mi sono divertito tantissimo. John Travolta era già a conoscenza di tutto quello che è accaduto, e lo aveva ovviamente condiviso. Sapeva tutto: nessuna sorpresa, nessun tranello. Fiorello è il più grande showman che abbiamo: fa fare a persone importanti cose che non farebbero mai, come Jimmy Fallon negli Stati Uniti. Poi sul momento può capitare un’espressione contrariata di Travolta, nell’ambito di una gag che aveva accettato con serenità ma che magari sul momento non ha gradito. Nessun tranello

In passato con Fiorello sempre John Travolta aveva fatto il delfino per terra. Sul momento magari non ha più gradito la gag del cappellino, ma non è un problema. Pensavamo potesse funzionare 10 e ha magari funzionato 8 per l’espressione di John. Nessun tranello, però. Non facciamo polemica e concentriamoci sulle cose belle del Festival

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa