Entra in un negozio e lo scambiano per Cage, ma è lui

In un alimentari australiano, il proprietario ha scambiato un cliente per Nicolas Cage, ma era davvero lui

nicolas cage
Credits: Facebook/Food of Asia
Condividi l'articolo

Negli ultimi anni, spesso Nicolas Cage si è lanciato in progetti davvero particolari, specie nel mercato indie. In questo momento sta lavorando a The Surfer, film di Lorcan Finnegan lui cui riprese si stanno svolgendo in Australia. In un momento di pausa dai lavori, l’attore di Renfield si è recato in un alimentari per acquistare uova e kimchi. Alla fine si è avvicinato per pagare alla cassa, lasciando la cassiera Annie Liban a chiedersi se fosse chi pensava che fosse.

C’erano alcuni indizi – dice la donna. Indossava stivali e una giacca anche se faceva caldo, indossava degli occhiali da sole Prada e anche la voce mi ha fatto pensare. E poi quando ha ritirato le arance davanti al negozio gli abbiamo detto ‘accettiamo solo contanti’ e lui ha detto ‘Ho solo dollari americani’

image 25
image 26

Alla fine Annie ha trovato il coraggio e ha detto al cliente che assomigliava proprio a Nicolas Cage.

Gli abbiamo detto: “Oh, assomigli a Nicolas Cage” e lui ha detto: “Lo sono.”

Il sindaco della città di Busselton, Grant Henley, dove si stanno svolgendo i lavori sul film, ha raccontato come sia stato un grande vantaggio per la città avere sia Nicolas Cage che la troupe del film in città.

LEGGI ANCHE:  The Unbearable Weight of Massive Talent, parla Nicolas Cage

[Queste cose] hanno un enorme effetto economico sulla regione… alloggio e costi per una crew di quella portata. Ci sono 100 persone qui per un mese, il che rappresenta una massiccia iniezione di denaro nell’economia locale. Penso che questo film abbia un certo potere di attrazione nei confronti delle star tanto da coinvolgere qualcuno come Nicolas Cage. Quindi sarà un progetto più grande rispetto a quei film realizzati in Australia con budget e distribuzioni molto più piccoli. Spero di poterlo incontrare in giro, se andrà fuori ad esplorare la regione divertendosi un po’.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa