Mia Khalifa: “Il mio ex marito mi ha costretta a fare porno”

Parlando al podcast "Diary of a CEO" di Stephen Bartlett , Mia Khalifa ha raccontato del suo turbolento ingresso nel mondo del porno

Mia Khalifa
Mia Khalifa nel trailer della seconda stagione di Ramy (frame da YouTube)
Condividi l'articolo

Sono passati oramai 7 anni da quando, nel 2016, Mia Khalifa decise di lasciare il mondo del porno. Sebbene abbia trascorso solo pochi mesi nell’industria per adulti, l’attrice è diventata rapidamente una delle più grandi interpreti in circolazione. Ma ora dice, guardandosi indietro, ammette che è stato “uno dei più grandi” errori che abbia mai commesso.

Parlando al podcast “Diary of a CEO” di Stephen Bartlett, Mia Khalifa ha raccontato del suo passato e dell’influenza che il suo ex marito ha avuto sulla sua vita. L’attirce, che ora preferisce usare il suo nome di nascita, Sarah Joe Chamoun, ha spiegato di essere stata infatti vittima di una “relazione estremamente violenta” con una persona che la stava “manovrando“.

Sono stata convinta a fuggire a Las Vegas quattro giorni dopo il mio diciottesimo compleanno. Non conoscevo ancora il senso di me stessa, quindi mi sono attaccata a qualcuno che era felice di abusare di una persona facilmente manipolabile ma che era allo stesso tempo desideroso di compiacere il partner. È stata proprio la tempesta perfetta.

La Khalifa ha proseguito affermando che è stato il suo partner, che all’epoca era nell’esercito degli Stati Uniti, a spingerla a entrare nel porno

LEGGI ANCHE:  Quando Khalifa blastò un fan con lei tatuata sul braccio

Mi ha messo l’intero mondo [del porno] davanti e mi ha incoraggiata.

L’attice aveva solo 20 anni quando le è stato consegnato un biglietto da uno scout del mondo porno. E quando l’ha mostrata a suo marito, questi era molto entusiasta dall’idea di soddisfare una sua fantasia.

Mi sento persino strana a chiamarla relazione, perché la dinamica non era quella di una relazione, era più quella di qualcuno che vedeva davanti a sè un giocattolo con cui giocare

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa