The Last of Us, Ramsey fa il verso del clicker [VIDEO]

Intervistata da Entertainment Weekly, Bella Ramsey si è esibita imitando perfettamente il verso del clicker di The Last of Us

the last of us
Condividi l'articolo

In The Last of Us, serie TV basata sul celeberrimo gioco di casa Naughty Dog (qui la nostra recensione) tra i maggiori pericoli che i protagonisti devono affrontare ci sono i Clicker, infetti al secondo stadio feroci, non vedenti. Queste terrificanti emettono un suono stridulo che funziona da ecolocalizzatore divenuto oramai davvero iconico. Durante una recente intervista con Entertainment Weekly Bella Ramsey, volto della protagonista Ellie, ha dato prova di grande bravura attoriale imitando alla perfezione il verso dei Clicker.

La giovane attrice ha recentemente rilasciato un’intervista anche a GQ dove ha anche parlato della futura seconda stagione di The Last of Us nella quale, se gli autori continueranno a seguire la trama de giochi, la sua Ellie avrà una storia omosessuale con Dina.

Ci sono alcune parti con Ellie da sola, probabilmente, ma mi piace il fatto che abbia anche [Dina] – ha detto la Ramsey. Non sono particolarmente ansiosa per questa cosaSo che le persone penseranno quello che vogliono pensare. Ma dovranno abituarsi. Se non vuoi guardare lo show perché ha trame gay, perché c’è un personaggio trans [Lev, che sarà introdotto nella seconda stagione ndr], è un tuo problema e non sai cosa ti stai perdendo. Non mi fa paura. 

Nella stessa intervista la Ramsey ha anche rivelato di aver indossato una fascia per il seno durante il 90% delle riprese della serie.

LEGGI ANCHE:  The Last of Us: chi è Abby, la nemesi di Ellie che sarà al centro della seconda stagione [VIDEO]

Ho indossato questa fascia per il 90% del tempo durante le riprese – ha detto. Il che probabilmente non è salutare, dicevo: “Per favore legalo in modo sicuro”

Andando avanti è ancora tornata sulla questione della sua non binarietà e del suo problema con i pronomi.

Questo è ciò che mi dà più fastidio dei pronomi: essere chiamata ‘giovane donna’ o ‘potente giovane donna’, ‘signorina’, ma io non sono [quello]. In ‘Catherine Called Birdy’ indossavo un vestito. In ‘La giovane Elizabeth” indossavo un corsetto. E mi sono sentito super potente. Interpretare questi personaggi più femminili è un’opportunità per essere qualcosa di così opposto a me stesso, ed è davvero divertente

Impressionante!

Seguiteci su LaScimmiaGioca