Musk entra nel Guinness World Record, ha perso più di tutti

Elon Musk è entrato nel Guinness World Record per la più grande perdita economica personale della storia

Elon musk
Credits: TED / YouTube
Condividi l'articolo

Elon Musk è l’uomo dei primati. Per lungo tempo è stato l’uomo più ricco del mondo ed è pioniere in moltissime sue attività. Non è dunque così strano pensare che entri nel Guinness World Record. Tuttavia, questa volta, è entrato dalla parte sbagliata della storia. Avendo infatti visto il suo patrimonio ridimensionarsi di oltre 180 miliardi in poco più di un anno, Musk è diventata la persona ad aver perso più soldi nella storia.

Come si puòleggere sul sito ufficile del Guinness World Record, Musk ha perso circa 182 miliardi dal novembre 2021, come stimato da Forbes, anche se altre fonti suggeriscono che potrebbe effettivamente essere più vicino ai 200 miliardi. Sebbene la cifra esatta sia quasi impossibile da accertare, le perdite totali del magnate superano di gran lunga il precedente record di 58,6 miliardi di dollari, stabilito dall’investitore tecnologico giapponese Masayoshi Son nel 2000.

LEGGI ANCHE:  Snoop Dogg chiede una Tesla gratis, Elon Musk risponde

Sempre secondo Forbes, il patrimonio netto di Musk è sceso da un picco dai 320 miliardi nel 2021 ai 138 miliardi attuali. Gran parte di questo tracollo è da ricercare nella scarsa performance delle azioni di Tesla, il cui valore è crollato del 65% nel 2022. Questo allarmante calo ha subito una brusca accelerazione dopo che Musk ha acquistato Twitter per circa 44 miliardi di dollari. La tumultuosa acquisizione, unita al comportamento polarizzante del magnate sulla piattaforma, ha scatenato la più grande svendita di azioni Tesla da quando la società è diventata pubblica nel 2010.

Questa perdita hanno anche portato Elon Musk a perdere il suo status di persona più ricca del mondo a favore di Bernard Arnault, fondatore del conglomerato di beni di lusso LVMH (Louis Vuitton Moët Hennessy), che ha un patrimonio netto stimato di 190 miliardi.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa