Netflix: il piano con pubblicità è un flop, deve rimborsare

L'introduzione dell'abbonamento con pubblicità non sta portando i benefici sperati a Netflix che ora deve rimborsare gli inserzionisti

netflix
Credits: Wikimedia/ Commons - Netflix
Condividi l'articolo

Netflix (qui alcuni consiglio per le feste) ha poco introdotto un piano di abbonamento che prevede una riduzione dei costi in cambio della presenza della pubblicità. Questo per far fronte al calo di abbnati avuto nel 2022 e per cercare di contrastare il diffusissimo fenoneno della condivisone dell’account. Tuttavia, secondo un report diffuso dal sito Digiday, questa soluzione si sta rivelando un assoluto flop in quando il colosso dello streaming ha fornito in alcuni solo circa l’80% del pubblico pubblicitario che si aspettavano e deve ora rimborsare alcuni degli inserzionisti.

Non possono emettere pubblicità. Non hanno abbastanza abbonamenti su cui emetterla. Quindi stanno restituendo i soldi – ha detto un anonimo dirigente della società al sito. Altre aziende non solo pretendono il rimborso, ma avrebbero già deciso di non investire più un centesimo nelle pubblicità su Netflix già a partire dal prossimo anno. Non ne varrebbe la pena.

Netflix utilizza una struttura di “pagamento alla consegna”, in cui gli inserzionisti mettono i soldi solo per gli spettatori che raggiungono, mentre tutto ciò che non è stato speso viene restituito loro alla fine del trimestre, riporta sempre Digiday. Un altro dirigente dell’agenzia ha aggiunto che gli inserzionisti stavano spingendo per riavere i soldi ora in modo che “potessero spenderli nel periodo critico delle vacanze”, cosa che la piattaforma ha accettato di fare.

LEGGI ANCHE:  New Girl rinnovata per un'ultima, più breve, stagione finale

Nel frattempo, altri, che sperano che il numero di spettatori cresca, hanno deciso di spingere i propri annunci al primo trimestre del 2023. Un dirigente di una terza agenzia ha dichiarato a Digiday 

Ci sono stati diversi modi in cui hanno affrontato gli obiettivi di consegna mancanti e i clienti vogliono risoluzione in modi diversi. Non tutti vogliono i soldi indietro alla fine dell’anno fiscale.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa