Veronika Loginova: la diciottenne russa che rischia 6 anni di carcere per aver usato Instagram [VIDEO]

Longinova
Condividi l'articolo

Veronika Loginova si è sfogata dopo essere stata minacciata di carcare per l’utilizzo di Instagram in Russia (dove è vietato)

Veronika Loginova è una delle tante influencer e creator punite dalla censura in Russia quando, in risposta al backlash occidentale contro l’invasione dell’Ucraina, il regime di Putin ha vietato l’utilizzo dei social del gruppo Meta sul territorio. I quali per inciso, naturalmente, ancora vengono utilizzati dal circolo dei potenti vicino allo “zar”.

Nel frattempo i russi hanno provveduto a lanciare la loro propria versione di Instagram, chiamato Rossgram. Ma alcuni, come la Loginova (che conta 555k di follower) non ci stanno e intendo continuare a postare sul social americano. E dopo essere stata minacciata per essersi “esposta” troppo si è sfogata, nel video qui sotto che traduciamo in italiano.

“Ciao a tutti. Tristemente oggi non condividerò i miei soliti contenuti a base di stile e leggerezza. Ho un vero problema che continua a premere su di me e influenza la mia vita nel modo più negativo. Non posso gestirlo da sola e può accadere assolutamente a chiunque di voi [in Russia]”.

“Chiunque può ricevere una visita della polizia o degli avvocati, e sentirsi dire che c’è una minaccia di sei anni di prigione per l’utilizzo di Instagram. Questo è quello che è appena successo a me. Non importa quanto ho lavorato su questo con i miei avvocati, non mi aspettavo di avere degli avvocati a 18 anni. La questione non si sta risolvendo”.

“Chiedo a chiunque abbia una voce, chiunque abbia anche soltanto un follower di condividere [questo messaggio], e di dire che questo NON è normale“. Il video è stato riportato da Metro come notizia il 22 settembre. Il sito afferma anche che la Loginova avrebbe aggiunto: “Questo è completamente incasinato [fucked up] e voglio che più gente possibile sappia di questa storia”.

“Voglio andare in fondo alla questione e parlarne qui. Per fortuna, ho il supporto della gente che capisce che questa non è la normalità. E anche se [in Russia] non parliamo di queste cose, io parlerò comunque“. Per il momento il suo profilo Instagram (qui) sembra essere ancora attivo e aggiornato. Seguiamo gli sviluppi.

Fonte: Metro

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa

Avatar di Andrea Campana
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.