Watcher, la Recensione del film thriller con Maika Monroe

In sala dal 7 Settembre grazie a Lucky Red, un thriller d'esordio a dir poco notevole: Watcher. Un film, il primo diretto da Chloe Okuno, che propone una visione di cinema molto attuale e soprattutto innovativa. Ecco la nostra recensione.

watcher recensione, maika Monroe
Condividi l'articolo

Arriva in sala, grazie a Lucky Red, Watcher, conturbante film diretto da Chloe Okuno al suo esordio dopo svariati corti. Questo esordio, che possiamo definire col botto, ha raccolto ampi consensi anche al Sundance Film Festvial di quest’anno. La giovane regista ha dunque tutte le carte in regola per potersi affermare, soprattutto grazie ad uno sguardo molto particolare e che affonda le sue radici nella storia della Film Theory.

Watcher, la Trama

Julia e Francis si trasferiscono in Romania, paese di origine di lui, a causa di un trasferimento forzato per lavoro. L’ambientamento con una cultura diversa non sembra essere difficoltoso, almeno fino a quando Julia non scopre che c’è qualcuno che la osserva dal palazzo di fronte. Intanto, un pericoloso serial killer si aggira nelle strade di Bucarest.

Watcher, la Recensione

È necessario partire dal doppio senso che propone il titolo, grazie anche all’aiuto della locandina. Due colori a dividere una singola parola, ossia “l’osservatore“, in due parti: watch-her. Tradotto, guarda(re) lei.

Si parte infatti da questo assunto, da quel rapporto morboso che esiste tra soggetto attivo guardare ed oggetto passivo guardato. Un rapporto che di fatto ha da sempre caratterizzato tanto il cinema hollywoodiano classico che in fin dei conti anche il cinema stesso.

Si pensi ad Hitchcock ed a Gli Uccelli, così come (e forse ancor di più) a La Finestra Sul Cortile. La Okuno sembra infatti partire proprio da questo film per tentare di decostruire questo tipo di cinema, grazie anche ad una sorta di aiuto che risponde al nome di Feminist Film Theory.

Riassumendo brevemente (non ce ne voglia Laura Mulvey), questa teoria del film spiega come il rapporto sopracitato, tra soggetto e oggetto, sia appannaggio dello sguardo maschile. Si pensi per l’appunto al primo attacco degli uccelli di Hitchcock, che aggrediscono Tippi Hedren che aveva “osato” ribaltare il ruolo, e osservare di nascosto Rod Taylor.

In questo senso, e come detto prima, Watcher focalizza la sua attenzione su questo aspetto, aggiungendo però molto di più. Con il suo film, la regista ci racconta una condizione. Una condizione, specifica e patriarcale, alla quale la donna deve sottostare.

watcher, julia, recensione

Dopo essere stata costretta a fuggire da una maledizione “inseguitrice” (leggasi It Follows), la bravissima Maika Monroe deve scappare da qualcosa di ben più reale. Uno sguardo famelico e assassino, il pregiudizio dell’uomo. Difficile dare un’ordine di importanza, al punto che neanche la Okuno lo fa.

Se da un lato lo sguardo inquietante di un uomo la perseguita, dall’altro deve anche fare i conti con i soliti pregiudizi del caso, anch’essi di matrice prettamente maschile. Le paranoie, l’isterismo, la paura priva di fondamento. E ancora poi, la giustificazione, quel “però tu” che colpevolizza la vittima. E di nuovo lo sminuire un qualsivoglia sentimento di paura o ancora peggio di un vero e proprio reato, quello dello stalking.

Uno status mentale che neanche l’innamorato marito, un perfetto Karl Gusman riesce a soffocare. Anche qui, guardando alla sua filmografia passata, sembra proprio evidente che ha più di un problema con il concetto di coppia (leggasi alla voce Love). Razionalizzare è la sua parole d’ordine, una condizione necessaria, forse anche in buona fede, per calmare la sua compagna.

Julia dunque è completamente sola. Sola in posto che non conosce, dove non riesce ad integrarsi, dove però resta vittima abbandonata a sé stessa. Proverà a cercare alleate, seppur con poco successo. Ma ormai è caccia aperta, è ormai nel pieno centro del mirino.

Pur non avendo spunti registici degni di nota, la macchina da presa della Okuno riesce a catturare l’essenza del dramma che vive la protagonista. Facilitata dal grigio sfondo della capitale rumena, Watcher vuole valicare il confine del semplice thriller, sfruttando il genere per raccontare quello che di fatto è un vero e proprio dramma.

watcher recensione

Appare scontato che le manchino (per ora) sia il guizzo hitchcockiano che l’idea di sguardo di De Palma. Eppure si vede che nella Okuno c’è qualcosa che ad oggi è difficile trovare. Ossia, qualcosa da dire. Le idee della regista appaiono chiare sin da subito in Watcher, al punto che lo spettatore resterà ammaliato dall’inizio alla fine.

Un film che ricerca proprio il concetto di sguardo, tentando di ribaltare ogni luogo comune. A tal proposito, merita assolutamente un plauso l’ultima inquadratura del film, che di fatto racchiude in sé tutto il senso di quanto appena visto. Ovviamente per evitare noiosi spoiler, non riveleremo altro.

Non di meno, qualche brivido lungo la schiena correrà agile. Un grande pregio di Watcher è quello di saper usare i suoni con discreta sapienza. I silenzi saranno quantomai assordanti, carichi di terrore, che restituiranno allo spettatore le sensazioni della protagonista. L’angoscia del sentirsi circondati da persone amiche ma comunque soli, di essere compatiti e non ascoltati. E la paura di un fiato sul collo che non si riesce ad individuare, che ti vìola ogni volta che lo senti.

L’originalità di Watcher non è certo il suo punto forte, la trama del film si lascia comunque ampiamente seguire proprio grazie alla regia. Perché in fin dei conti, soprattutto nell’era del postmoderno, l’importante non è cosa dici ma come lo dici. E la Okuno riesce anche a coniugare le due cose senza troppi problemi di sorta.

Non resta dunque che aspettare già il suo secondo film. Partire con un esordio come Watcher non fa altro che riporre buonissime speranze, tanto su di lei quanto sul genere thriller. Un genere che ha sempre bisogno di innovazioni e che al tempo stesso ci mostra come sia possibile raccontare la realtà che viviamo.

Cast

  • Maika Monroe: Julia
  • Karl Gusman: Francis
  • Madalina Anea: Irina
  • Burn Gorman: Daniel

Trailer

 

RECENSIONE
Voto
Articolo precedenteThe Boys 4: Stephan Fleet anticipa l’arrivo di una scena terribile
Articolo successivoChe fine ha fatto Jackie Chan? [VIDEO]
Avatar di Lorenzo Pietroletti
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".
watcher-film-recensioneArriva in sala, grazie a Lucky Red, Watcher, conturbante film diretto da Chloe Okuno al suo esordio dopo svariati corti. Questo esordio, che possiamo definire col botto, ha raccolto ampi consensi anche al Sundance Film Festvial di quest'anno. La giovane regista ha dunque tutte...