Fedez e Chiara Ferragni a Ibiza col Jet privato, scoppia la polemica

Fedez e Chiara Ferragni sono andati a Ibiza col jet privato scatenando l'ira degli ambientalisti di mezzo mondo

Ferragnez, fedez, chiara ferragni
Condividi l'articolo

In questa calda estate i vip, chi più, chi meno, stanno mostrando sui social le immagini delle loro vacanze. Tra questi ovviamente non possono mancare le testimonianze di Fedez e di Chiara Ferragni, la coppia più social d’Italia. I due hanno infatti postato alcune immagini della loro ultima vacanza a Ibiza che hanno scatenato moltissime polemiche.

Il motivo del malumore sta nel fatto che per arrivare nell’Isola spagnola, i due hanno utilizzato un jet privato, uno dei mezzi più inquinanti al mondo, cosa che ha scatenato l’ira degli ambientalisti di mezzo mondo. A suonare la carica, in particolare, è arrivato il produttore Emilio Rubbi che su Facebook ha attaccao senza troppe remore i Ferragnez.

E insomma, si scopre che Chiara Ferragni e Fedez, per il loro viaggio con i pargoli da Milano a Ibiza a bordo di un jet privato (90 minuti), hanno inquinato esattamente quanto due persone inquinano nell’arco di un intero anno – scrive. Che uno dice: vabbè, mica sono i soli straricchi a usare dei jet privati pure per andare a fare la spesa, eh.

Però, in effetti, almeno gli altri loro colleghi milionari solitamente hanno il buon gusto di non presentarsi come paladini dell’ambiente, forza Greta e via dicendo. Un po’ come il simpatico Jovanotti, che da due estati si aggira per l’Italia devastando allegramente ecosistemi con il suo Jova Beach Tour, ma se uno glielo fa notare lui risponde che sono tutte bugie degli “econazisti”, come una Meloni qualsiasi.

Quando si capirà che l’ecologismo è una questione seria e non un accessorio di moda da sbandierare quando si cerca di raccattare qualche like o vendere qualche biglietto in più, probabilmente inizieremo a fare qualche passo avanti. E non accadrà per merito di una tizia che vende sciampi e borsette e cavalca questi temi perché vanno di moda, e neppure grazie a un cinquantacinquenne che si veste come uno che ha chiesto consigli sul look a un Manu Chao sotto acido, ma grazie a una rinnovata consapevolezza generale.

E no, credetemi: questa roba non aiuta a creare alcuna consapevolezza, serve solo a far sentire “dalla parte giusta” un pugno di ingenuotti che si muovono coi mezzi pubblici e a far arricchire ulteriormente quelli che pisciano in testa alle loro illusioni direttamente dal jet privato.

Il dottor Matt Finch di Transport and Environment aveva affermato al Daily Record che un jet privato medio “emette 2 tonnellate di CO2 per ogni ora di volo”. Un europeo medie emette 8,2 tonnellate di anidride carbonica equivalenti nel corso di un intero anno. Inoltre, secondo lo stesso rapporto rapporto, i voli privati inquinano dalle 5 a 14 volte in più, per passeggero, degli aerei commerciali e ben 50 volte in più rispetto ai treni.

LEGGI ANCHE:  Chiara Ferragni: "Io donna di potere, posso essere un esempio positivo"

CHe ne pensate?