Tarantino esalta Lo Squalo: “Il più grande film mai realizzato”

Parlando con ReelBlend, Quentin Tarantino ha esaltato Lo Squalo di Spielberg, definendolo il più grande film mai realizzato

tarantino, lo squalo
Condividi l'articolo

Quentin Tarantino è uno dei più grandi cinefili al mondo. La sua conoscienza in ambito cinematografico è pressochè smodata. Dunque essere inseriti da lui nella lista dei più grandi film di sempre non è sicuramente una cosa secondaria. Figurarsi stare in cima. Parlando al podcast ReelBlend per promuovere il suo progetto The Video Archives Podcast, il regista di Knoxville ha rivelato di considerare Lo Squalo, capolavoro di Steven Spielberg del 1975, il più grande film mai realizzato.

Penso che Lo Squalo sia il più grande film mai realizzato. Non la più grande pellicola d’autore di sempre, ma penso che sia il più grande blockbuster mai realizzato. Ci sono altri blockbuster che possono entrare nella sua aria rarefatta. Ma per quanto riguarda un film commerciale, non c’è modo di renderlo migliore di Lo Squalo. Non c’è niente di “meglio” di Lo Squalo. È il miglior film mai realizzato. E mostra quanto fossero sbagliati i tempi della maggior parte dei blockbuster realizzati prima di lui.

Esaltando il film di Spielberg, Tarantino ha fatto una divisione tra cinema d’autore e blockbuster, del quale Lo Squalo è il migliore di tutti. Tuttavia il regista di Knoxville non ha fatto questa divisione per motivi di snobismo di sorta. Più avanti nell’intervista, ha infatti spiegato come film come Lo Squalo siano anche loro una forma d’arte e come Steven Spielberg sia diventato qualcuno che l’ha perfezionata: 

LEGGI ANCHE:  Quentin Tarantino rivoluzionerà Star Trek

Quello che intendevo con questo, in un modo o nell’altro, è che Spielberg e molti dei suoi colleghi sono cresciuti vedendo quel tipo di film al cinema. Viaggio al centro della Terra  di Henry Levin, è corso per andare a vederlo. Viaggio allucinante di Richard Fleischer. Stessa cosa. Quelli di Gordon Douglas! Anche. Ora… la maggior parte di loro non era diretta così bene. Erano incarichi affidati a registi operai che facevano del loro meglio con loro. Era così che eravamo abituati a vedere i fumetti, quel tipo di esperienza cinematografica. Al contrario di uno Spielberg, che è tipo: “No, questo è esattamente il tipo di film che gli piace. Fare questo tipo di film è esattamente il motivo per cui è stato messo sulla terra. E lo renderà, con tutte le sue forze, il più efficace possibile”. E, sai, non è lo stesso lavoro che Michael Anderson ha fatto in La fuga di Logan.

Che ne pensate?