Stranger Things 4: Taika Waititi è infastidito da un elemento musicale della serie

L'autore non ha proprio gradito quella tanto chiacchierata canzone di Kate Bush.

Condividi l'articolo

Stranger Things è una serie televisiva che non ha mai nascosto o tradito il contenuto fortemente citazionista nei confronti di un certo tipo di musica, cinematografia e in generale di cultura pop in voga negli anni ’80. Ce ne accorgiamo fin dal primo episodio della prima stagione, dove i nostri eroi di Hawkins sono intenti a giocare di ruolo, ma anche da altri piccoli elementi che ci sono in giro. Ecco che quindi lo show non sarebbe lo stesso con questa forte connessione con il passato.

Tale impronta, ovviamente, è stata ripresa anche nella quarta stagione di Stranger Things, che in particolare ha visto un brano nello specifico spopolare per giorni e giorni: ci stiamo riferendo, ovviamente, al noto pezzo Running Up That Hill di Kate Bush, che è all’interno del suo album Hounds of Love arrivato precisamente nel 1985. Se la maggior parte degli appassionati ha apprezzato questa scelta, c’è un film-maker che invece ha trovato questa idea deprecabile: stiamo parlando di Taika Waititi.

LEGGI ANCHE:  Stranger Things 4, Bobby-Brown ha diretto l'attrice della piccola Eleven

In una recente intervista per NME, l’autore ha spiegato che è rimasto infastidito dal fatto che Stranger Things abbia acquisito una sorta di proprietà temporanea dell’intera musica di Kate Bush, di cui tra l’altro è un grande fan. Inizialmente, infatti, l’artista voleva inserire alcuni brand della star nella colonna sonora di Thor: Love and Thunder, ma è dovuto tornare indietro. Di seguito le sue parole nello specifico:

“Sono davvero infastidito! Sono diventato uno di quei vecchi stronzi che dicono: ‘Questi ragazzi non hanno mai ascoltato Kate Bush, hanno sentito una canzone in uno show televisivo! Non conoscono Kate Bush! Io conosco Kate Bush! Prima di Stranger Things! Sì, c’erano un sacco di canzoni di Kate Bush che volevo avere lì dentro. Avremmo avuto This Woman’s Work, che sarebbe stato fantastico per [una scena con] il personaggio di Natalie Portman”.