Star Wars Jedi: Fallen Order, una donna nera come protagonista è stata rifiutata

Star
Condividi l'articolo

Una donna di colore come protagonista di Star Wars Jedi: Fallen Order è stata respinta come idea dagli executives

“Abbiamo già due neri [in Star Wars Jedi: Fallen Order] e Rey è una donna. Non lo possiamo fare”. Queste le argomentazioni che avrebbero condotto Respawn Entertainment, gli sviluppatori del videogioco Star Wars Jedi: Fallen Order, a respingere l’idea di avere una donna di colore come protagonista del gioco; ruolo poi toccato al bianchissimo e maschio Cal Kestis (Cameron Monaghan).

Il fatto viene denunciato su Twitter da Nora Shramek, ex-lighting artist presso Respawn: “Quando lavoravo su Star Wars Jedi: Fallen Order un sacco di sviluppatori chiedevano e spingevano affinché il personaggio principale fosse nero e/o una donna. Le ragioni per il no: ‘Abbiamo già due personaggi neri nel gioco'”.

“E Rey [Skywalker, protagonista della trilogia sequel dei film] è [già] una donna, non possiamo farlo anche noi’. Indovinate quali sono i connotati demografici delle persone che hanno preso queste decisioni?” conclude Shramek, sarcasticamente. In seguito la donna ha specificato che la decisione è dovuta interamente a Respawn e non alla “malvagia EA” o ad un controllo da parte di Lucasfilm/Disney.

LEGGI ANCHE:  Star Wars 9 è ora il peggior film della saga secondo Rotten Tomatoes

“Era il gioco del nostro team e sì, un po’ della gente che aveva il potere di prendere delle decisioni ha compiuto delle scelte”, specifica la Shramek, aggiungendo di non avere in ogni caso alcun problema con il personaggio di Cal o con il doppiaggio di Monaghan. Semplicemente, parla apertamente di “occasione sprecata”.

Fonti: GAMINGbible, GamesRadar+

Continuate a seguirci su LaScimmiaGioca

Avatar di Andrea Campana
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.