Tom Cruise:”Non lavorerò mai per le piattaforme di streaming”

Tom Cruise si è pronunciato in maniera molto decisa sulla possibilità di vedere i suoi film su piattaforma.

Tom Cruise
Tom Cruise sul red carpet di Cannes
Condividi l'articolo

Tom Cruise è da poco tornato al cinema con il nuovo Top Gun: Maverick, che sta trionfando al botteghino in tutto il mondo (e, cosa non da meno, trovando responso positivo da critica e pubblico).

Ospite a Cannes, dove è andata in scena una proiezione in anteprima del film, l’attore americano si è espresso in maniera molto netta sul cinema e sulle piattaforme di streaming, oggi sempre più importanti nel panorama distributivo e produttivo.

Cruise ha infatti ribadito il suo amore per la sala cinematografica (e per il cinema), chiudendo nettamente la porta alle piattaforme.

Su una possibile uscita del suo film su piattaforma anziché in sala ha detto:”Non succederà. Mai. Ho passato tanto tempo con i proprietari dei cinema, con la gente che serve popcorn, con tutti quelli che fanno in modo che tutto questo ci sia, che accada. Li ho chiamati tutti, gli ho detto: ‘So cosa stai passando, sappi solo che stiamo realizzando due sequel di Mission Impossible e ora Top Gun. Faccio film per il grande schermo, io.

LEGGI ANCHE:  Le migliori 10 canzoni Pop nei film anni '80

Ha poi proseguito dicendo che non era mai stata una possibilità, e che non ci sono stati tentativi da parte dei grossi player di portare il film su piattaforma.

Non hanno nemmeno osato. Sapevano che non sarebbe mai potuto accadere. Quando un film è finito, voglio vederlo al cinema. Se volete vedere Tom Cruise, dovete andare al cinema.

Parole decise, dunque, che ribadiscono il desiderio dell’attore di supportare il sistema dei cinema, sempre più in crisi anche a causa della pandemia di COVID-19 che ha tenuto le sale a lungo chiuse.

Il successo che sta riscuotendo con il nuovo Top Gun sembra dargli ragione. Un successo che l’attore si auspica di replicare il prossimo anno, quando uscirà (ovviamente al cinema) la prima parte del capitolo finale della saga di Mission: Impossible.

Avatar di Fabio Menel
Torinese d'adozione ed aostano di nascita, laureato al DAMS. Quando non è impegnato a sopravvivere si interessa in particolare di cinema orientale, di fumetto e di tappeti.