“Le spese di Johnny Depp erano folli e fuori controllo” dice l’ex manager

L'ex manager finanziario di Johnny Depp, Joel Mandel, ha parlato delle spese folli che l'attore ha sostenuto durante la loro collaborazione

johnny depp, Waiting for the Barbarians
Condividi l'articolo

Prosegue a Fairfax, in Virginia il processo per diffamazione che vede di fronte Amber Heard e il suo ex marito Johnny Depp. Durante l’ultima seduta è stato ascoltato l’ex manager finanziario dell’attore, Joel Mandel. Questi ha parlato nel dettaglio le spese folli dell’attore fatte nel corso dei 17 anni in cui ha lavorato con lui, descrivendo la sua condotta come sempre più irresponsabile.

Mandel ha detto che Johnny Depp ha guadagnato più di 600 milioni dollari nel periodo nel quale hanno collaborato, tra il 1999 e il 2016. Intorno al 2010, dopo che ha girato The Rum Diary – Cronache di una passione, film col quale ha incontrato Amber Heard, Mandel ha detto che i livelli di spesa sono diventati “molto elevati”. Ha affermato che Depp ha consumato più alcol e droghe che mai ed è diventato più difficile parlare con lui delle sue finanze.

Quello che avevo sempre conosciuto come qualcuno a cui piaceva godersi il suo vino alla fine della sua giornata è diventato un consumo che è diventato eccessivo – ha detto

In seguito ha Mandel ha parlato nel dettaglio delle spese di Johnny Depp:

  • 100.000 dollari ogni mese a David Kipper, un medico assunto nel 2014 per aiutare a curare i problemi di dipendenza. Depp ha detto di essere diventato dipendente dai farmaci oppioidi a seguito di un infortunio alla gamba.
  • 300.000 dollari al mese per uno staff a tempo pieno che includeva Nathan Holmes, un ex assistente personale; Kevin Murphy, un ex gestore di proprietà; e Stephen Deuters, un altro assistente personale che ha anche lavorato ai progetti creativi di Depp.
  • 10.000 dollari ogni giorno a Jerry Judge, l’ex responsabile della sicurezza. 
LEGGI ANCHE:  Amber Heard ha accusato Johnny Depp di violenza sessuale

La storia tra Mandel e Johnny Depp è complicata. L’attore lo ha licenziato nel 2016 e poi ha citato in giudizio la sua azienda, sostenendo che aveva gestito male le sue finanze. Hanno risolto la causa nel 2018 .

Che ne pensate?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.