Amber Heard scoppia in lacrime al processo: “Non chiamarmi bugiarda”

Durante la seduta di ieri, Amber Heard è scoppiata in lacrime dopo aver sentito la registrazione di un litigo avuto con Johnny Depp

amber heard, il potere dei soldi
Condividi l'articolo

A Fairfax, in Virginia, è ripreso il processo per diffamazione che vede di fronte Johnny Depp e la sua ex moglie Amber Heard. Proprio quest’ultima è stata ascoltata al banco dei testimoni dove si è lasciata andare ad un’intensa reazione emotiva. All’attrice è stata infatti ascoltare una registrazione di una vecchia discussione tra i due coniugi al termine della quale è scoppiata in lacrime.

Non voglio definirmi una vittima. Non mi piace pensare a me stessa come una vittima e non voglio che Johnny pensi che lo sto attaccando o incolpando – dice Amber Heard. Sto sottolineando che non ho collaborato con la polizia, che non volevo metterlo nei guai. Che non volevo fargli del male. Non voglio niente da lui, solo che non mi chiami bugiarda. È tutto ciò che ho detto. Non chiamarmi bugiarda. Solo non dire che questo non è reale, perché io ne sono la prova vivente

La coppia ha iniziato a frequentarsi dopo essersi incontrata sul set del film del 2011 The Rum Diary e si è sposata nel 2015. La Heard ha ottenuto un ordine restrittivo contro Depp l’anno successivo e hanno finalizzato il divorzio nel 2017. Alla domanda sulla sua decisione di chiedere il divorzio la star di Aquaman ha detto in tribunale:

LEGGI ANCHE:  Justice League, Amber Heard impacciata col costume di Mera [VIDEO]

Sapevo che se non l’avessi fatto probabilmente non sarei sopravvissuta. Avevo così paura che sarebbe finita davvero male per me e non volevo davvero lasciarlo, lo amavo così tanto. Avrei fatto qualsiasi cosa, ma non potevo fare quella cosa, non potevo restare. La promessa e la speranza che avevo sono diventate sempre meno regolari e sempre più rare. Il mostro ora era la cosa normale e non l’eccezione. La violenza ora era normale e non l’eccezione. E ‘stato così difficile, ma sapevo che dovevo farlo… e se si fosse spinto troppo oltre, non sarei qui.

Che ne pensate?