Il Signore degli Anelli: la Serie, svelate le differenze con i film

Il concept artist John Howe ha spiegato quali elementi differiscono tra i lungometraggi di Jackson e il nuovo titolo Prime Video.

Condividi l'articolo

Il Signore degli Anelli: la serie (il titolo originale è Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere) è il nuovo prodotto televisivo che porterà su schermo l’universo di J.R.R. Tolkien, già esplorato nella trilogia cinematografica di Peter Jackson e nei tre lungometraggi de Lo Hobbit dello stesso autore. Questa volta, però, le cose sono cambiate radicalmente: sembra, infatti, che Prime Video non sia in possesso dei diritti effettivi del mondo di Arda e che per creare la Seconda Era si stia basando su poco materiale letterario.

Anelli
Credits: Variety

Avremo probabilmente, a tutti gli effetti, un’interpretazione creativa di Tolkien ne Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere e ciò, se garantisce da un lato parecchio sperimentalismo, dall’altro rischia di sfociare in un prodotto per nulla all’altezza delle aspettative. Una cosa è certa però: vedremo una Terra di Mezzo totalmente differente dal solito, come tra l’altro ha sottolineato il concept artist dello show, John Howe. In una recente intervista per Empire, l’artista ha spiegato quali sono i punti di discrimine:

LEGGI ANCHE:  Amazon Prime Video: ecco le Novità di Agosto 2020 [LISTA]

“Questa non è la Terra di Mezzo che ricordiamo. Questo è un mondo molto vivace. Gli elfi non sono nascosti a Bosco Atro o indugiano a Gran Burrone. Sono impegnati a costruire regni. Il regno nanico di Moria non è una miniera abbandonata e i Rifugi Grigi non sono ancora una città abbandonata. Mi è piaciuto avere l’opportunità di esplorare quella storia invisibile. Stiamo finalmente navigando sugli oceani della Terra di Mezzo. È stato molto divertente da immaginare. È qualcosa di lontano sia sia da Il Signore degli Anelli che dai film de Lo Hobbit”.

Vi ricordiamo che Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere dovrebbe arrivare su Prime Video il 2 settembre 2022, con la produzione di Amazon Studios, Harper Collins Publishers, New Line Cinema, Tolkien Enterprises e Warner Bros. Television, con l’ideazione ad opera di Patrick McKay e John D. Payne ed un cast composto da Morfydd Clark nella parte di Galadriel, Robert Aramayo che incarna Elrond, Ismael Cruz Cordova che interpreta Arondir, Charles Edwards (Celebrimbor) e molti altri ancora.

LEGGI ANCHE:  Too Old to Die Young, ecco la data di uscita della serie di Refn