Sanremo: 10 big della musica italiana che non hanno mai partecipato [LISTA]

Chi sono i 10 big della musica italiana che non hanno mai partecipato a Sanremo? Scopriamoli insieme

Sanremo; Il pescatore; Fabrizio De André
Credits: Fabrizio De André / YouTube
Condividi l'articolo

I big della musica italiana che non hanno mai partecipato al Festival

Sanremo è pronto ad aprire le porte dell’Ariston per l’annuale appuntamento con la kermesse principale dedicata alla musica italiana. Il Festival di Sanremo 2022, che sarà condotto sempre da Amadeus, ha svelato sia i nomi dei cantanti che saranno in gara, sia quelli degli ospiti. Ma per tanti artisti che saranno in gara ce ne sono molti altri che non hanno mai gareggiato sul palco dell’Ariston.

Claudio Baglioni: direttore artistico di Sanremo, ma mai concorrente

Sebbene possa apparire strano, vista i risultati della sua conduzione (che ha portato a grandi ascolti nel 2018), Claudio Baglioni non ha mai partecipato in gara a Sanremo. Fa strano, pensando che si tratta veramente di una delle colonne portanti della musica italiana di ogni tempo ed oltre.

Tuttavia sul palco dell’Ariston è riuscito comunque a lasciare la propria traccia, quando nel 1985 è salito sul palco presentando il brano Questo piccolo grande amore, che è stata eletta canzone del secolo. Del cantante, però, rimangono di certo indimenticabili anche i lunghi, inutili e spesso tediosi duetti avvenuti durante la sua direzione artistica.

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2022: i voti ai look della seconda serata [FOTO]

Edoardo Bennato

Tra i big della musica italiana che non hanno mai preso parte al festival di Sanremo salta all’occhio anche Edoardo Bennato. Nel 2014 l’autore à stato omaggiato da Francesco Renga e Kekko dei Modà con il brano Un giorno credi, ma ciò nonostante non ha mai partecipato. L’autore si è sempre collocato in una posizione diametralmente opposta rispetto alla kermesse ligure.

E lo conosciamo: troppo rock e alternativo per “piegarsi” alle regole del Festival. La lontananza tra il cantante e la kermesse è stata ben evidenziata anche quando, nel 2015, Bennato ha dichiarato di aver un album pronto che le case discografiche non volevano produrgli a meno di una partecipazione a Sanremo.

Fabrizio De André

A parte il breve il ruolo di paroliere per i New Trolls nel 1985 con Faccia di Cane, Fabrizio De André non ha mai avuto un bel rapporto con Sanremo. Per il famoso cantautore la competizione canora per eccellenza è sempre stata un esempio di come, in realtà, non si dovrebbe vivere la musica e l’arte di creare canzoni.

Per De André la musica era, come sappiamo, qualcosa di intimo e poetico, qualcosa che non doveva piegarsi alle competizioni commerciali. L’amore, probabilmente, non era comunque corrisposto: i testi di De André forse erano troppo impegnati per una kermesse di musica leggera.

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2021: ecco tutti i partecipanti [LISTA]

Francesco De Gregori

Nel 1980 sul palco dell’Ariston Gianni Morandi ha cantato Mariù. Si tratta dell’unica partecipazione, indiretta, di Francesco De Gregori al Festival di Sanremo: come autore, ma mai come cantante.

Ancora oggi non sono noti i motivi di questa “esclusione” di De Gregori dalla lista dei big in competizione. I suoi brani, oltretutto, sono stati spesso oggetto di omaggi durante la serata delle cover.

Francesco Guccini, offeso dall’omaggio a Sanremo

Altra grave assenza nella tradizione di Sanremo è quella di Francesco Guccini. Nel 1967 ha firmato la partitura musicale di Una storia d’amore, canzone che doveva essere interpretata da Caterina Caselli e Gigliola Cinquetti.

Il brano non è riuscito all’epoca a superare nemmeno le selezioni e il rapporto tra Guccini e Sanremo non è perciò mai stato idilliaco; al punto che nel 2019 non è lasciato impressionare nemmeno dall’omaggio al suo brano Dio è Morto per mano di Ligabue e Claudio Baglioni, in uno dei già citati duetti voluti dal direttore artistico.