Don’t Look Up, Ron Perlman risponde alle critiche: “Vaffan**lo”

Parlando con The Independent, Ron Perlman ha risposto a modo suo alle critiche mosse a Don't Look Up, nuovo film di Adam McKay

don't look up, ron perlman
Condividi l'articolo

Don’t Look Up, nuovo film di Adam McKay ha davvero diviso la critica e il pubblico. In molti infatti non hanno apprezzato il lavoro fatto dal regista di Denver e il messaggio che ha voluto mandare. A queste persone ha voluto rispondere Ron Perlman che nella pellicola interpreta il colonnello Ben Drask. L’attore parlando con The Independent ha infatti attaccato duramente il sistema.

Vaffanculo a te, alla tua presunzione e a questo bisogno che si autoalimenta di dire tutto ciò che è negativo su qualcosa solo per ottenere un po’ di attenzione per qualcosa che non avevi nemmeno idea di creare. È un sistema corrotto. Ed è malato. Ed è contorto

Perlman ha detto, tuttavia, che “capisce che fa parte di come Internet abbia quasi ucciso il giornalismo. E ora il giornalismo sta cercando di fare tutto il possibile per cooptare e mantenere la propria importanza“.

Ritroveremo Ron Perlman come voce di Mangiafuoco nel prossimo Pinocchio di Guillermo Del Toro (qui il trailer). L’attore ha rivelato qualche tempo fa ad Inverse l’ambientazione del film.

Beh, il Pinocchio di Guillermo è ambientato nell’Italia di Mussolini, in uno sfondo fascista – avevo detto. La presunzione del film è che Pinocchio sia il soldato perfetto perché non è umano. Quindi non mette mai in discussione gli ordini. Non ha paure. È invulnerabile. È tutto ciò di cui ha bisogno il soldato perfetto.

Lo stesso Del Toro, qualche tempo prima, aveva rivelato a Collider le origini della sua ispirazione per questo progetto.

È un film molto, molto personale per me. Per me Pinocchio e Frankenstein sono due facce della stessa medaglia, perchè alla fine sono la stessa storia. L’idea di un Pinocchio che parli di cose che considero molto profonde ma che sia allo stesso tempo un musical molto divertente, la trovo davvero incredibilmente commovente. 

Ovviamente, nell’animazione, puoi vedere il film negli storyboard e poi aggiungere lo stop-motion. In questo momento, siamo al 50% di scene animate e al 50% negli storyboard. Ogni volta che guardo il film piango come un bambino. È tanto personale quanto diventa commovente. È diverso da qualsiasi versione della storia che abbiate mai mai visto. È completamente diverso. Sovverte le basi morali della favola originale, ovvero che per essere un vero ragazzo devi cambiare. Diventerai carne e sangue. Si tratta di diventare un vero ragazzo agendo… comportandosi come un vero essere umano, punto.

Cosa ne pensate di queste dure affermazioni? Avete apprezzato Don’t Look Up?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.