Squid Game: a Sidney una statua uguale a quella della serie [VIDEO]

A Sidney Netflix ha installato una gigantesca statua uguale a quella usata nel gioco un, due, tre, stella! visto in Squid Game

Condividi l'articolo

Netflix ha deciso di fare un regalo ai suoi fan australiani che hanno guardato a apprezzato Squid Game, serie coreana che sta frantumando ogni record della piattaforma. A Sidney infatti è stata installata una statua identica alla bambola usata nel primo gioco dello show, un, due, tre, stella!, alta oltre 5 e metri e dal peso di 3 tonnellate.

Rimanendo fedele alle funzioni della bambola in Squid Game, questa statua possiede la capacità di girare la testa e cantare l’inquietantissima canzoncina sentita nella serie (qui il suo significato). I suoi occhi possono anche rilevare qualsiasi movimento dei giocatori che non stanno fermi. Ma non preoccupatevi: a differenza dello show, nessun perdente verrà ucciso a colpi di fucile.

Netflix ha realizzato questo omaggio per Halloween a Squid Game in modo da essere un vero gioco. Infatti leggendo la didascalia del video potete trovare tutte le regole da utilizzare per partecipare.

LEGGI ANCHE:  Squid Game, la Corea del Nord critica la serie e il Sud

1. Effettuare il check-in utilizzando il codice QR e mostrare il certificato digitale COVID-19 (o la prova di una controindicazione medica).
2. Rispettare in ogni momento il distanziamento sociale (1 persona per 2 metri quadrati).
3. Giocate in sicurezza. Nessuna corsa.
4. Chiunque venga sorpreso a disobbedire alle regole sarà eliminato (invitato ad andarsene).

Anche le successive disposizioni sono interessanti visto il fenomeno mondiale che Squid Game rappresenta. Possono partecipare infatti solo persone sopra i 16 anni in quanto la serie è vietata ai minori di quell’età. Questa aggiunta al regolamento è doverosa in quanto in tutto il mondo si stanno moltiplicando i casi di emulazione dei giochi della serie da parte dei giovani.

Questo ha portato a decisioni drastiche come quella presa a New York dove sono state vietati i costumi che richiamassero la serie in alcune scuole elementari della Grande Mela (qui tutti i dettagli).

Che ne pensate?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.