Diplo accusato di violenza sessuale, si difende: “Solo una stalker”

Diplo
Condividi l'articolo

Diplo viene accusato di violenza sessuale da una donna che egli definisce “una stalker”

C’è un nuovo capitolo delle vicende che riguardano le gravi accuse mosse nei confronti di Diplo da parte di una donna che sostiene di essere stata da lui sessualmente abusata. Le accuse, partite nel 2020, parlano apertamente di stupro. Imputano inoltre a Diplo di aver voluto trasmettere volontariamente alla presunta vittima la clamidia, una malattia sessuale.

La donna sostiene anche che il celebre produttore avrebbe registrato senza consenso video dei loro rapporti intimi, distribuendone poi almeno uno. In effetti, nell’ottobre del 2020 un video esplicito di Diplo assieme a (quella che dovrebbe essere) lei ha trovato diffusione su Internet; ma pare che al momento la pubblica accusa della città di Los Angeles non stia considerando accuse relative a stupro e violenza.

Oggi, l’artista interviene direttamente su Instagram con un lungo messaggio di testo (qui sopra) nel quale si difende e definisce la sua accusatrice “una stalker”. “Era una fan ossessionata da me. Da quando ho rinunciato ad ogni contatto con lei sembra che il suo unico scopo nella vita sia stato quello di distruggere il mio lavoro […] e tormentare me e i miei cari amici, attaccare me e minacciare la mia famiglia”.

LEGGI ANCHE:  Diplo: paura per spari al concerto in Brasile [FOTO]

Dopo aver specificato che la donna non era minore al momento del loro contatto, Diplo spiega di aver avuto con lei una “notte di sesso consensuale”. Dopodiché costei, che lui chiama solo “SA”, avrebbe iniziato a perseguitarlo, anche con le accuse di cui sopra. Diplo la definisce anche una “call girl” (una escort) e la accusa apertamente di attività criminale (con il sottinteso di un ricatto).

Il produttore condivide anche direttamente i messaggi scambiati con la ragazza in questione, censurando nudi ed espressioni esplicite, per dimostrare la propria totale buona fede nel caso. “La faccio semplice perché so che Internet ha un basso indice di attenzione”, asserisce anche il produttore.

Fonte: Consequence

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.