Stranger Things 4: ecco il nuovo trailer della prossima stagione [VIDEO]

Stranger Things
Condividi l'articolo

La nuova stagione di Stranger Things è alle porte!

Finalmente ci siamo. O almeno, sembra, manca poco. La quarta stagione di Stranger Things, rimandata come tutto il resto a causa del virus, sta arrivando. A confermarlo un nuovissimo trailer, che potete vedere qui sotto. Si chiama Undici, stai ascoltando? (Eleven, are you listening?). Ovviamente il riferimento è al personaggio di Millie Bobby Brown.

Nel trailer a quel che sembra ci troviamo all’interno del laboratorio vicino ad Hawkins, dove i vari bambini “speciali” in grado di esibire poteri paranormali sono stati cresciuti come esperimenti. Non è chiaro quindi se ci troviamo in un flashback, dato che possiamo scorgere (di schiena) anche il “padre” dei bambini-esperimento, il dottor Brenner.

Nel frame finale del video possiamo vedere la stessa Undici inquadrata da vicinissimo (solo gli occhi), mentre una voce le chiede appunto “se stia ascoltando”. C’è da capire come questo si incastri con il resto perché nelle tre stagioni precedenti Undici era ormai riuscita ad andarsene dal laboratorio e ad integrarsi nella società esterna, tra un evento terrificante e l’altro.

LEGGI ANCHE:  Lucca Comics 2017 ospiterà gli attori di Stranger Things

Assieme a questo, anche un primo trailer, molto meno esplicito, è già stato svelato ieri: ci mostra una “control room” con degli schermi fuori uso ma che occasionalmente mostrano immagini strane e non chiare. Il tutto mentre in sottofondo sentiamo un’aria d’opera, come se si trattasse di una sala d’attesa.

Per il resto solo un’altra, importante rivelazione ci era già stata fatta sulla nuova stagione: Hopper, l’amato capo della polizia di Hawkins, sempre al centro degli eventi, pare essere ancora vivo. Ma, per qualche motivo, sembra finito ai lavori forzati in Siberia. Come si collegheranno tutte queste vicende? Non vediamo l’ora di scoprirlo.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.