Ratchet & Clank | Recensione del primo gioco della saga

Ratchet & Clank, il gioco che ha ridefinito il platform all'alba del nuovo millennio

Ratchet
Condividi l'articolo

Ratchet & Clank alla salvezza della galassia in un platform colorato e tamarro

Ratchet & Clank. Se siete cresciuti con la PlayStation 2 li avrete sicuramente sentiti nominare. Ma ogni caso, la “strana coppia” creata da Insomniac è diventata talmente famosa, nel corso di due decadi di avventure, che è impossibile non conoscerli e non apprezzare le loro stravaganti vicende.

I due personaggi sono stati (e sono tuttora) a centro di quel ponte che lega il platform classico ai moderni giochi action e realistici. Mentre nel frattempo Insomniac si è spinta ben più avanti in questa direzione (con la saga di Resistance), quello di Ratchet & Clank rimane un franchise sempre in continuo sviluppo, come prova il nuovo titolo per il 2021, Rift Apart.

Seguendo la saga di Spyro the Dragon, l’idea di questa serie è proprio quella di riprendere le caratteristiche del platform anni ’90, adattandole alle possibilità grafiche e di gameplay del nuovo millennio. Aggiungiamo una trama (per l’epoca) sviluppata e coinvolgente, personaggi approfonditi e un po’ più di “serietà”. E il gioco, letteralmente, è fatto.

Anche se in due decadi o quasi Ratchet & Clank sono stati protagonisti (anche separatamente) di molti titoli diversi, il gioco originale, uscito nel 2002, è quello che ancora rimane tra i più apprezzati e “groundbreaking” nel campo. Agli inizio degli anni ’00, infatti, gli unici veri rivali di Ratchet & Clank nel campo platform sono Jak and Daxter.

Analysis of Games: Ratchet and Clank | Bethany Cassap
Il pianeta Veldin è il luogo di inizio del gioco

La trama

Ratchet, un alieno di una specie nota come Lombax, è un anonimo meccanico su di un anonimo pianeta. La sua vita è insignificante finché il caso mette sulla sua strada il robottino tutta logica di nome Clank. Un letterale errore di fabbrica, Clank si è trovato per coincidenza a conoscenza di un piano malvagio che mette in pericolo l’intera galassia.

Dietro c’è lo spietato presidente Drek, a capo di una congrega di alieni chiamati i Blarg. Costoro hanno completamente inquinato e distrutto tutte le risorse del loro pianeta natale (ogni riferimento è voluto) e pensano ora quindi di… costruirne uno nuovo, utilizzando parti di altri pianeti sottratte a delle inermi popolazioni aggredite senza scrupoli.

Ratchet e Clank chiedono dapprima l’aiuto del mitico Capitano Qwark, eroe famoso in tutta la galassia. Egli però non solo si rivela un fedifrago, ma è pure al soldo dello stesso Drek. Ratchet rimane molto deluso dalla “svista” e se la prende con Clank. I due entrano in conflitto ma risolvono le loro divergenze quando Ratchet comprende davvero che cosa c’è in ballo.

L’ultimo pianeta scelto da Drek per la costruzione del suo nuovo mondo è proprio quello di Ratchet. A quel punto diventa una faccenda personale e i due eroi non si fermano finché non sconfiggono lo spietato presidente. Come beffa finale, il raggio distruttore di pianeti viene deviato, finendo col demolire proprio il nuovo mondo dei Blarg.

Ratchet & Clank (HD) - LAST BOSS BATTLE: Chairman Drek + FULL ENDING -  YouTube
Il presidente esecutivo Drek, della specie dei Blarg, è il villain del gioco

Il gameplay

Ratchet & Clank fonde elementi classici dei giochi platform (un genere all’epoca ancora florido) con caratteristiche tipiche del third person shooter (lo sparatutto), action e adventure. Mentre i toni del gioco sono sempre leggeri e “cartoonistici”, le possibilità di devastazione fornite dalle varie armi a disposizione lo situano in un contesto sci-fi pseudo-realistico.

Ratchet ha infatti a propria disposizione un arsenale ampio e complesso di gadget e dispositivi, dai più prevedibili come il “blastatore” (una pistola, in pratica) ai più improbabili come l’idrosostitutore, che serve a rimuovere e immettere acqua in aree più o meno ampie. Nel corso dei titoli successivi l’utilizzo dei gadget è diventerà una costante della serie.

Clank non è da meno, potendo contare su vari potenziamenti (acquistabili, come i gadget, raccogliendo la valuta del gioco, i bolt) che consentono ai due di volare, planare, scattare, ecc.. Non mancano i collectibles, nello specifico i famosi bolt d’oro nascosti, che permettono di sbloccare contenuti extra e altro.

La maggior parte del gioco è impostata sull’esplorazione di aree e percorsi, spesso diversificati, che conducono i due ad aiutare le popolazioni attaccate dai Blarg, o a cercare di fermare o sabotare i piani di Drek. In questo intervengono anche alcuni elementi puzzle, per sbloccare vie d’accesso o aree segrete. La fusione di tutti questi stili di gameplay è in definitiva il punto forte del gioco.

ratchethd-248-001 - Hey Poor Player
Ratchet e Clank sul pianeta Kerwan

Le tematiche

Pur non essendo un gioco sviluppato al punto da confrontarsi con i titoli impegnativi del periodo, come quelli della serie di Metal Gear, il primo gioco di Ratchet & Clank si espone in maniera significativa su una serie di temi non trascurabili. Questo considerando che si tratta di un gioco “per ragazzi”, non per adulti.

Il primo e più importante tema toccato è di sicuro quello dell’ambientalismo. Già a inizio anni ’00 la minaccia del global warming è ben nota e il gioco sceglie di mostrare cosa accadrebbe ad un pianeta completamente inquinato e deprivato di ogni risorsa. Ma non è tutto: l’aggressiva politica industriale e corporativa dei Blarg fa danni ovunque ed è impossibile ignorarla.

Basti pensare per esempio al soleggiato resort sul pianeta Pokitaru, uno dei livelli del gioco (somiglia alle Hawaii), le cui acque vengono allegramente inquinate con rifiuti tossici. Come risultato, gli animali mutano e diventano mostri letali. In generale l’ideologia distruttiva dei Blarg, che va a braccetto con un capitalismo senz’anima, viene condannata senza remore.

Altro tema, anche se affrontato in sordina, è quello della fallacia dei miti. Si parla del Capitano Qwark, idolatrato da Ratchet come un eroe ma che è in realtà solo un divo televisivo, egoista, pusillanime e incapace. La vera maturazione dell’eroe, qui punto fondamentale del suo arco narrativo, giunge quando capisce che può contare solo su sé stesso. E che questo può bastare.

Ratchet & Clank (PS3-Original) The Best Of Captain Qwark (ALL Qwark Scenes)  HD 720p - YouTube
Il capitano Qwark si finge un eroe ma è in realtà solo un divo televisivo

Continua a pagina 2!

1
2
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.