Peaky Blinders terminerà con la stagione 6

Peaky Blinders
Condividi l'articolo

La sesta stagione di Peaky Blinders sarà anche l’ultima

La decisione sembra presa. Ad annunciare la fine di Peaky Blinders è lo stesso Steven Knight, creatore della serie. “Peaky [Blinders] torna e con il botto. Dopo un forte ritardo nella produzione a causa della pandemia da COVID, troveremo la famiglia [gli Shelby] estremamente compromessa e a rischio come mai prima [the stakes are never been higher]”.

“Crediamo che questa sarà la migliore stagione di sempre e siamo sicuri che i nostri pazzechi fan la ameranno. Mentre la serie tv giungerà ad una fine, la storia continuerà in un’altra forma“, prosegue Knight. Una cattiva notizia, quindi, ma anche una buona. Potremo vedere un film di Peaky Blinders? O cos’altro?

Nel frattempo, c’è da capire la confusione dei fan ai quali, in precedenza, era già stata promessa una settima stagione dello show. A quanto pare l’anno di ritardo dovuto proprio alla crisi del COVID ha influito negativamente sulla produzione, portando a voler terminare la serie in anticipo.

LEGGI ANCHE:  Peaky Blinders 6, Cillian Murphy è Tommy Shelby nelle nuove foto dal set

Lo conferma anche la produttrice esecutiva Caryn Mandabach, dicendo: “Grazie a tutti i fan di Peaky Blinders che sono stati così fermamente supportivi e pazienti. La sceneggiatura di Steve [Knight] è incredibile e segna la fine di una storia che ha coinvolto il pubblico fin da quando è iniziata, nel 2013″.

“Ma” ribadisce la Mandabach “Il mondo di Peaky Blinders continuerà sicuramente a vivere“. Nonostante la cancellazione di una settima stagione non sia ancora stata ufficialmente annunciata, sembra che per la serie, almeno nel suo formato strettamente televisivo, sia la fine della corsa. Ma non preoccupiamoci: Steven Knight ha già di certo qualcos’altro in mente.

Fonte: Variety

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Pensa, la Scimmia fa.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.