Jack Dorsey: “Giusto il ban di Trump da Twitter, ma precedente pericoloso”

Jack Dorsey ha analizzato le cause che l'hanno portato a bannare da Twitter Donald Trump e le conseguenze di questo gesto

jack dorsey, trump, twitter
Credits: Wikipedia/ Mark Warner - Shealah Craighead - White House
Condividi l'articolo

Jack Dorsey, CEO di Twitter, è tornato a parlare del momento più importante della storia dei social network degli ultimi anni, il ban di Donald Trump dalla sua piattaforma. L’imprenditore, attraverso una serie di Tweet, ha spiegato come l’allontanamento dell’ex tycoon è stato un gesto doveroso ma che allo stesso tempo rappresenta una sconfitta personale oltre ad aver scatenato un precedente pericoloso.

Non festeggio né sono orgoglioso del nostro ban di Twitter inflitto a Donald Trump , o come siamo arrivati a questo punto – scrive Dorsey. Dopo un chiaro avvertimento che avremmo preso questa azione, abbiamo preso una decisione avendo informazioni precise della minaccia alla sicurezza sia su Twitter che fuori. È stato corretto?

Credo che questa sia stata la decisione giusta per Twitter. Abbiamo affrontato una circostanza straordinaria e insostenibile, che ci ha costretto a concentrare tutte le nostre azioni sulla sicurezza pubblica. É risultato palesemente reale che alcuni danni offline siano stati il risultato di ciò che è accaduto online e questo è ciò che ha spinto la nostra politica e, soprattutto, l’applicazione della punizione.

Detto questo, dover vietare un account ha conseguenze reali e significative. Sebbene esistano eccezioni chiare e ovvie, ritengo che un divieto sia un nostro fallimento nel promuovere una conversazione sana. E un momento per riflettere sulle nostre operazioni e sull’ambiente che ci circonda.

Dover intraprendere queste azioni frammenta la conversazione pubblica. Ci divide. Limita il potenziale di chiarimento, redenzione e apprendimento. E crea un precedente che ritengo pericoloso: il potere che un individuo o una società ha su una parte della conversazione pubblica globale.

Il controllo e la responsabilità su questo potere è sempre stato il fatto che un servizio come Twitter è una piccola parte della conversazione pubblica più grande che accade attraverso Internet. Se la gente non è d’accordo con le nostre regole e l’applicazione, possono semplicemente andare verso un altro servizio internet.

Questo concetto è stato messo in discussione la scorsa settimana, quando un certo numero di provider di strumenti Internet hanno deciso di non ospitare ciò che hanno trovato pericoloso. Non credo che questo sia stato coordinato. Più probabile: le aziende sono venute alle proprie conclusioni o sono stati incoraggiati dalle azioni di altri.

Questo specifico momento potrebbe richiedere questa dinamica, ma nel lungo periodo sarà distruttivo per il nobile scopo e gli ideali dell’internet aperto. Un’azienda che prende una decisione di affari per moderarsi è differente da un governo che rimuove l’accesso, tuttavia può ottenere lo stesso risultato.

Sì, tutti noi dobbiamo esaminare criticamente le incoerenze della nostra politica e della nostra applicazione. Certo, dobbiamo guardare a come il nostro servizio potrebbe incentivare distrazioni e danni. Sì, abbiamo bisogno di maggiore trasparenza nelle nostre operazioni di moderazione. Tutto questo non può erodere un internet globale libero e aperto.

Cosa ne pensate di queste parole di Jack Dorsey?

LEGGI ANCHE:  John Dolmayan difende Trump: "Lo hanno attaccato per cinque anni"

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news e approfondimenti sul mondo del cinema, dei videogiochi e delle serie tv!