I 10 migliori Libri del 2020 secondo La Scimmia

Quali sono i migliori libri del 2020? Tra quelli che abbiamo letto abbiamo stilato una lista di alcuni dei titoli da recuperare

i 10 migliori libri del 2020
John Travolta in Pulp Fiction
Condividi l'articolo

Ora che il nefasto 2020 volge al termine, sembra il momento adatto per tirare le somme su quali sono stati i migliori Libri del 2020.

Ovviamente sono stati presi in esame solo i libri che abbiamo letto – e che sono una minima percentuale rispetto ai titoli che vengono quotidianamente sfornati, anche in un anno tanto complicato come quello appena trascorso. Inoltre, abbiamo cercato di creare un buono spettro, allargando la lista dei libri più belli del 2020 per abbracciare più generi e più storie possibile, senza mai far venir meno la qualità delle letture consigliate.

N.B. In classifica troverete titoli pubblicati per la prima volta in Italia nel 2020.

I migliori Libri del 2020

Città Sommersa, Marta Barone

Città Sommersa (qui potete leggere la recensione) è un romanzo che parte dal suono di una ragazza che cammina tra le strade di una città.

Una ragazza in qualche modo sperduta, pur senza avere la piena consapevolezza della sua anima errante, né del suo bisogno di rimettere in ordine il caos legato alla figura quasi fantasmagorica del padre scomparso.

Marta Barone da scrittrice si fa personaggio e nelle vesti di questa dramatis persona insegue il ritratto di un genitore che era, prima di tutto, un uomo. E nel tratteggiare questo identikit di un padre che è anche, allo stesso modo, personaggio, Marta Barone descrive un volto dell’Italia, una pagina di storia che trabocca sangue e ideali spezzati.

LEGGI ANCHE:  Le uscite italiane più attese del 2020

Guida al Trattamento dei Vampiri per Casalinghe, Grady Hendrix

Tra Pomodori verdi fritti e Dracula: un horror tutto al femminile ambientato a Charleston negli anni ’90.

Pubblicato da Libri Mondadori su Domenica 26 luglio 2020

È indubbio che, per gli amanti delle letture legate alla figura del vampiro, l’avvento sul mercato di Twilight ha in qualche modo minato la possibilità di trovare titoli che non fossero incentrati su una storia d’amore impossibile.

E forse è proprio per questo che il bellissimo romanzo di Grady Hendrix è un titolo da non perdere. Esso, infatti, riporta il vampiro al mondo di pericolo e orrore da cui è nato. Una creatura affascinante, che sembra aver rubato a Lucifero la sua capacità di sedurre per divorare un’anima, e che sotto l’aspetto rassicurante nasconde morte e devastazione.

Inoltre il romanzo — senza dubbio tra i libri più belli del 2020 — ha una prosa davvero accattivante e parte da uno spunto narrativo tutt’altro che scontato: cosa succede se in un pacato quartiere degli Stati Uniti del Sud un gruppo di mogli-trofeo mettesse su un club del libro dedicato ai serial killer?

Perché, dopotutto, come recita la quarta di copertina, i vampiri non sono forse i maggiori serial killer della letteratura?

Ogni volta che ti picchio, Meena Kandasamy

Ogni volta che ti picchio è un romanzo brutale, struggente: un pugno costante nello stomaco che racconta come a volte la peggior mostruosità riesca a nascondersi dietro il volto della virtù.

LEGGI ANCHE:  Mulan | Recensione del nuovo Live Action della Disney

Il romanzo di Meena Kandasamy comincia come una storia d’amore, quasi. La storia di due persone che si incontrano, che subiscono il fascino l’uno dell’altra. L’incontro di due menti pieni di ardore, di parole, di ideali nei quali riconoscersi.

Lei scrittrice, lui professore. Una coppia che sembra perfetta sulla carta, ma che esplode quando l’amore diventa una gabbia domestica, quattro mura in cui la protagonista vede il suo compagno trasformarsi in un mostro. Un uomo che la picchia, la logora, la umilia e la isola, in un teatro terribile e dolorosissimo che ha nella violenza il proprio marchio di fabbrica ed è ancora un tema, purtroppo, colpevolmente molto attuale.

Ogni volta che ti picchio è uno di quei libri di cui non si applaude la prosa (peraltro splendida), ma si sta male ad ogni pagina sfogliata, ci si arrabbia, si prova paura. Uno di quei libri che non ti abbandona più, che resta lì a galleggiare nella tua coscienza.

Un romanzo, dunque, che pur non essendo una chiamata alle armi è, allo stesso tempo, un’esperienza di lettura dalla quale non si esce più uguali. Tra i libri più belli del 2020.