Julian Barratt, la nostra Intervista al villain di Truth Seekers

Dopo l'intervista con i protagonisti Nick Frost e Samson Kayo, ecco cosa ci racconta Julian Barratt: il villain di Truth Seekers, la nuova serie Horror Comedy, dal 30 Ottobre su Amazon Prime Video.

Truth Seekers Julian Barratt
Condividi l'articolo

Truth Seekers arriva il 30 Ottobre su Amazon Prime Video. Dopo le interviste con i protagonisti Nick Frost e Samson Kayo (trovi qui il nostro articolo) abbiamo (virtualmente) incontrato anche Julian Barratt, ovvero il temibile Dr. Peter Toynbee.

Il suo personaggio corrisponde al villain di quest’irresistibile serie Horror Comedy, creata da Nick Frost e Simon Pegg, già eroi della Trilogia del Cornetto: L’alba dei morti dementi (2004) Hot Fuzz (2007) e La Fine del mondo (2013).

E se il nome Julian Barratt vi suona nuovo, Truth Seekers vi permetterà anche di scoprire il talento di uno degli attori più quotati dell’intero panorama britannico. Un autentico alfiere del Black Humor, l’Assurdo e la commedia di matrice Surrealista. 

Non a caso, nel cast della serie c’è anche Malcolm McDowell, alias Alex De Large di Arancia Meccanica. Per Truth Seekers, gli autori sembrano aver così riunito i migliori talenti d’Inghilterra. Una selezione che mira alle personalità più complesse, provocatorie e ardite.

“Il volto di Malcolm McDowell fa praticamente parte del tuo landscape mentale.” Ci ha raccontato Julian Barratt. “Ero intimidito, ogni volta che lo incontravo volevo parlare di Stanley Kubrick. Ma lui è talmente gentile che alla fine ti rendi conto che è semplicemente un attore come te.”

Truth Seekers: l’intervista con Julian Barratt

Come descriveresti il tuo personaggio?

LEGGI ANCHE:  Truth Seekers: Simon Pegg e Nick Frost nel trailer della serie Amazon [VIDEO]

J.B.: “É un cattivo soggetto. Ovviamente non è cosciente di essere un villain, un cattivo. Sono ossessionato da questo genere di personaggi. Il loro sistema di valori si fonda su ideali molto forti, parliamo di leader carismatici, capaci di esercitare una notevole influenza sulle persone. Perciò, per quanto si tratti di esseri crudeli, per me restano i più divertenti da interpretare.”

Ho letto in molte tue interviste passate che ami interpretare creature bizzarre, di natura surreale. Il Dr. Peter di Truth Seekers è una di queste creature?

J.B.: “Sì è una creatura strana. L’Horror mi affascina perché possiede naturalmente degli elementi surreali. È un genere popolato di strani ibridi, mostri e creature che ti consentono di entrare in un immaginario veramente intenso.”

“Per quanto riguarda il Dr. Peter di Truth Seekers parliamo più di una mostruosità interna. È qualcosa che ho interpretato spesso, sono personaggi mentalmente insani. Lui lo definirei ‘un mostro umano‘.”

LEGGI ANCHE:  Truth Seekers: intervista con Emma D'Arcy e Susan Wokoma

“Il suo sguardo somiglia a quello di uno squalo. Quando ti guarda sai che, se vuole qualcosa, non si arrenderà mai. Per questo sei letteralmente paralizzato dalla paura. Naturalmente non faccio niente del genere nella mia vita. Ma vedo le persone fare queste cose. Sono cosciente che la natura umana comprenda questi aspetti terribili.”

Nella tua carriera hai sperimentato così tante cose, sei stato Stand-Up Comedian, musicista, produttore. Manca qualcosa? Qualcosa che vorresti davvero fare?

J.B.: “Ho cominciato con la musica e vorrei pazzamente fare un Musical, oppure fondare una band. Amo la mia musica ma vorrei fare qualcosa di serio, senza essere pretenzioso. Fare commedia non è facile come sembra.”

“Sarebbe la cosa più difficile per me, mi piace essere parodistico, scemo, pretenzioso. Però ogni tanto me lo chiedo… Forse dovrei fare qualcosa di serio, lasciando la commedia a chi è più portato!”

Truth Seekers: Trailer originale inglese

Per altre news, recensioni e approfondimenti continua a seguirci su La Scimmia Pensa.com