Gli artisti italiani chiedono giustizia per Willy Duarte

Sui social network moltissimi artisti italiani hanno mostrato la loro attenzione al caso di Willy Duarte per il quale chiedono giustizia

artisti willy duarte
Credits: YouTube/ Emma - Stupida Allegria

L’omicidio di Willy Duarte, il giovane ragazzo pestato a morte da 4 ragazzi in quel di Colleferro, vicino Roma, ha scosso l’opinione pubblica.

Per questa ragione moltissimi artisti italiani hanno voluto rendere pubblico il loro pensiero attraverso i social network per chiedere che venga fatta giustizia in questa terribile vicenda.

Willy Monteiro Duarte era un ragazzo di 21 anni,adesso è l’ennesima tragedia di un paese che sta soccombendo ad un livello culturale davvero molto basso dove ormai in molti si sentono liberi di fare quello che vogliono arrivando addirittura ad uccidere.
L’ignoranza crea violenza- scrive Emma Marrone, nei giorni scorsi anche lei nel vortice delle polemiche a causa di uno scatto con Kanye West (qui i dettagli)

Vogliamo giustizia per Willy, per la sua famiglia e vogliamo che vengano rispettati e tutelati tutti i Willy del nostro paese – chiede Levante.

Non esistono parole. Ma che almeno sia fatta giustizia – scrive laconico Stefano Accorsi.

Con quale dolore la sua famiglia dovrà continuare a vivere e soprattutto come potrà mai trovare pace? Che dolore..che ingiustizia..caro Willy che dolore – scrive Anna Foglietta

View this post on Instagram

Note a margine di un dolore amaro e muto. Se stai leggendo, faccio un invito a te, soprattutto se sei più giovane di me: rivendica la possibilità di essere fragile. Rivendica la possibilità di essere timido. Impacciato. Tenero. Incerto. Dubbioso. Rivendica gli abbracci, chiedili quando ti mancano, quando ne hai bisogno. Dallo, quando vedi qualcuno come te. Permettiti di essere insicuro, titubante. Rivendica il diritto di essere debole, imperfetto, rivendica il diritto di avere delle mancanze, di piangere. Rivendica la gentilezza, il garbo, l’educazione, le buone maniere. Rivendica il diritto di frequentare la bellezza, non quella estetica, ma l’ideale della bellezza. Cerca e guarda la statua della Venere di Milo o quella di Samotracia. Domandati cos’è la bellezza per te. La grazia per te. La tenerezza per te. La gentilezza per te. L’equilibrio per te. Rivendica il diritto di poter vedere dei quadri, di leggere delle poesie, di leggere dei libri, troverai una sola cosa: la ricerca sull’essere umano. La ricerca di te stesso. Rivendica il diritto di lavorare per la tua passione, la tua, non quella che va più di moda. Rivendica il diritto di cercarla, di sbagliare mentre la cerchi. Sii gentile con te stesso, e con gli altri. Vai a cercare la parola compassione. Senti che effetto fa dentro di te. Domandati cos’è la forza per te, il coraggio per te, la resistenza per te, l’appartenenza per te. Guardati intorno, attorno a te, non sui social, ma nella realtà che ti circonda ogni giorno e rivendica il diritto di avere dei modelli, cerca il tuo. Siamo nati per conoscere noi stessi e, se possibile, migliorarci. E perdonaci se ti stiamo facendo crescere in un mondo così confuso e mediocre. C’è sempre una speranza, nonostante tutto. Quella speranza sei tu. Abbi cura di te.

A post shared by Vinicio Marchioni (@vinicio_marchioni) on

 Siamo nati per conoscere noi stessi e, se possibile, migliorarci. E perdonaci se ti stiamo facendo crescere in un mondo così confuso e mediocre. C’è sempre una speranza, nonostante tutto. Quella speranza sei tu. Abbi cura di te – invita Vinicio Marchioni in un lunghissimo post su Instagram.

Questi sono solo esempi delle decine di post che gli esponenti del mondo dello spettacolo stanno pubblicando in ricordo di Willy Duarte per chiedere giustizia.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com